Il mondo del ballo in Italia
01 mag 2009

A cura di
Angela Scipioni
Ballo e Floorcraft.





Dott.ssa  Prof.ssa
Maestra Angela Scipioni



 
Domanda fatta da Federica

Gentile Professoressa, leggo con molto piacere i Suoi articoli e le Sue risposte alle interessanti domande dei lettori. In uno dei Suoi ultimi articoli ho trovato il termine Floorcraft che, mi scuso, ma non ne conosco il significato e neppure l’ho trovato sul vocabolario. Le sarei grata se volesse gentilmente spiegarmene il senso e il suo uso nel contesto del Ballo. Grazie. Federica da Milano.

 
 

Risposta della Maestra Angela Scipioni

Si, ha ragione. Questo termine è poco conosciuto in Italia. Tuttavia è molto importante. Siccome la spiegazione è di interesse alla generalità dei lettori, ho pensato di rispondere tramite l’apposita Rubrica degli articoli. Cordiali saluti. Maestra Angela Scipioni.

 
 
 
 
L’importanza di Ballare con Floorcraft
 

Termine per lo più sconosciuto fra più, ma molto usato

nel mondo del Ballo in tutti i Paesi Anglosassoni
 
 

 

Premessa


Tradurre questo termine nella nostra lingua italiana è difficile, anzi è impossibile.

 

Il termine viene generalmente usato nell’arte dell’arredamento sia per le case civili che per gli impianti di produzione, per i flussi industriali, per l’agilità dei trasporti e delle movimentazioni aziendali, per la progettazione dei supermercati in modo che sia fluido e scorrevole nonché pratico e accattivante il percorso dei clienti e il loro muoversi fra stand di esposizione della merce. Viene usato soprattutto nei Paesi Anglosassoni.

Nel mondo del Ballo è invece usato in tutto il Mondo, ma se ne fa poco usa in Italia.



Vediamo di cosa si tratta.

 

La sua conoscenza è importantissima sia per chi fa il competitore che lo deve applicare e sia per chi fa il giudice di gara che deve valutare.

 
Il Floorcraft ci indica:
 

·        l’abilità di usare lo spazio disponibile che c’è nell’ambiente per avere un costante avanzamento lungo la pista senza scontrarsi con altre coppie,

·        di sapere variare, o alternare, la quantità di giro di una amalgamazione,

·        di usare variazioni, che all’occorrenza  consentano agevolmente di poter e saper retrocedere senza porre ostacolo alla progressione di altre coppie,

·        e di saper riprendere e pronti a continuare con un’altra variazione.

 

Si tratta di Ballo cioè di un’arte che si vede e di cui si ammirano le forme e i movimenti che esso produce mediante la coppia che si muove e che poi influenzano l’opinione del giudice di gara e soprattutto l’apprezzamento del pubblico.

 

Il ritmo, il movimento a tempo di musica, l’azione dei piedi, capire come vengono usati, come ottenere un deciso movimento del corpo a ritmo, dimostrare la propria espressione musicale con il variare più o meno della velocità e mantenere intatto l’equilibrio, il tempo e la tecnica perfetta. Ciò abbellirà la performance finale.

 
E tutto questo è il Floorcraft.



 


Conclusioni

Col Floorcraft le figure devono essere eseguite con una raffinata ed elegante compostezza e con una gestualità morbida ed elegante; in esse la posizione di coppia e la postura deve rimanere statuaria, marmorea; i movimenti del corpo e le inclinazioni misurate, composte, con passi lunghi e levigati, con una compostezza ed un equilibrio di rara delicatezza gestuale pur con l’agilità e la fluidità dei movimenti fra variazioni e a volte improvvisazioni per districarsi fra le altre coppie.

 
 
____________________

Maestra Angela Scipioni

Brescia, 2 maggio 2009

 
 
 
Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Ricerca partner

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

Per imparare/migliorare

52 anni - Per imparare/migliorare

Treviso (TV)