Il mondo del ballo in Italia
14 mar 2007

A cura di
Rosario Rosito
COME PARTIRE A TEMPO
'

Intendiamoci subito, chi è proprio “a digiuno” di conoscenze musicali ed ha scarsa esperienza anche del ballo, avrà probabilmente difficoltà ad attuare l’esercizio. Bisogna procurarsi un metronomo; in commercio ce ne sono di tutti i tipi, meccanici od elettronici, anche a prezzi molto accessibili (a partire dai 15/20 euro). In una prima fase dell’esercizio, azionando il metronomo, con una velocità non superiore ai 60, 70 battiti al minuto, cominciamo a contare ciclicamente con base 8 (1-2-3-4-5-6-7-8-1-2-3-4-5-6-7-8-1-2-3-4-5-6-7-8 ecc.) sincronizzandoci con il click del metronomo. Continuiamo per diversi minuti, sino ad un livello d’assimilazione tale da consentirci di seguire il click senza alcuna difficoltà. Nella seconda fase dell’esercizio proviamo ad inserire gli accenti “in levare” sottolineandoli con la congiunzione “e” (1 e 2 e 3 e 4 e 5 e 6 e 7 e 8 e 1 e 2 e 3 e 4 e 5 e 6 e 7 e 8 ecc.). Prestiamo attenzione ad inserire la “e” giusto in mezzo tra un battito e l’altro, senza “attaccarla” al battito precedente, nè al seguente. Solo quando avremo una perfetta padronanza anche di questa seconda parte dell’esercizio passeremo alla terza fase. Aumentiamo la velocità del metronomo portandola a 100 e poi, man mano, sino a 140 ed oltre. Con ogni nuova velocità settata proviamo a scandire il conteggio da 1 a 8 inserendo la “e”, a piacere, solo in alcuni punti. Ad esempio possiamo inserirla tra il 4 e il 5 e tra l’8 e l’1 (1 – 2 – 3 – 4 e 5 – 6 – 7 – 8 e 1 – 2 – 3 – 4 e 5 – 6 – 7 – 8 e 1 – 2 ecc.); oppure tra il 2 e il 3 e tra il 6 ed il 7 (1 – 2 e 3 – 4 – 5 – 6 e 7 – 8 – 1 – 2 e 3 – 4 – 5 – 6 e 7 – 8 – 1 – 2 e 3 – 4 ecc.). Proviamo varie combinazioni, a piacere, prendendo sempre più confidenza con l’esercizio, prima di passare alla quarta ed ultima fase dell’esercizio. Nell’ultima fase proviamo a scandire tre ritmi sincopati, desunti dalle danze caraibiche (salsa in particolare). Adesso l’esercizio diventa difficile perchè con la mente dobbiamo continuare a contare gli otto battiti, ma non sempre li pronunciamo tutti. Consiglio quindi di cominciare a prendere confidenza con l’esercizio, partendo con velocità più basse, prima di provare le velocità previste dai ritmi di seguito elencati:

Ritmo N°1 velocità metronomica 155

1 – 2 – 3 – 4 e 5 – 6 – 7 – 8 e 1 – 2 ecc. (sottolineando con un battito delle mani le due “e” e l’8)


Ritmo N°2 velocità metronomica 165

1 - _ e _ - 4 - _ - 6 – 7 - _ - 1 - _ e _ - 4 - _ - 6 – 7 - _ ecc.


Ritmo N°3 velocità metronomica 175

_ - 2 – 3 - _ - 5 - _ e _ - 8 –


N.B. nei Ritmi N°2 e N°3 alcuni numeri sono sostituiti dall’underscore ” _ “ . Questo significa che quei numeri non vanno pronunciati, ma soltanto contati mentalmente.
Rosario Rosito, 24 gennaio 2006

Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Ricerca partner

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

Per imparare/migliorare

52 anni - Per imparare/migliorare

Treviso (TV)