Il mondo del ballo in Italia
02 apr 2012

A cura di
Sauro Amboni
Danze Country e Brevetto Internazionale NTA.

(Relazione di Marcella Costato).

 

 

 

 

Nella foto a fianco la
Maestra Marcella Costato
(Tecnico FIDS con brevetto Internazionale NTA Country).

 

 

 

 

 

 


 

Premessa

Negli ultimi anni la “Line dance” sta riscuotendo, ovunque, un grande successo.

Questa tipologia di danze ha avvicinato, al meraviglioso mondo del ballo, anche chi in un primo momento era digiuno di quelle regole, così precise e fondamentali, presenti nelle altre danze.

 

La “country western dance”, in particolare, ha fatto presa su giovani e meno giovani permettendo loro di trovare un proprio spazio nella danza e divertirsi, anche senza partner.

In Italia, la Country Western Dance è stata considerata, per molto tempo, la sorella minore di balli più conosciuti, come quelli Nazionali, Latini o Caraibici, dove la tecnica codificata e divulgata in tutte le scuole di ballo, costituiva il bagaglio indispensabile di ogni atleta.

 

Insegnanti e atleti sanno, infatti, come alla base di ogni apprendimento siano necessarie oltre ad impegno, allenamento e dedizione, soprattutto le conoscenze tecniche su cui poggiano le fondamenta del “buon ballo”.

 

In virtù di questi principi, il mondo italiano d'insegnanti e atleti country ha sentito l’esigenza di criteri chiari e condivisibili cui uniformarsi, chiedendo più volte che si giungesse a regolamenti ufficiali e riconosciuti a livello nazionale.

 

 

Qual è la situazione internazionale?

Abbiamo chiesto a chi, per oltre venti anni, si è dedicato alla Country Western Dance con grande passione, impegnandosi prima come competitore e poi come insegnante, di offrirci una panoramica della situazione internazionale.

Stiamo parlando della Maestra Efi Smaragdakis.

 

 

Chi è Efi Smaragdakis?

 

La maestra Smaragdakis dal 1991 ha operato nell’unica associazione nazionale che riuniva tutti gli appassionati di questo genere e cioè il C.M.C.I. (Country Music Club of Italy). In tale associazione, ha partecipato come ballerina nelle esibizioni nazionali e internazionali fino a diventare insegnante di ballo attiva e competitrice per essa.

 

Nel 2001, dopo essere  venuta a conoscenza dell’organo superiore internazionale identificato in NTA (National Teacher’s Association) per la Country-Western Dance – www.ntadance.com, ha studiato  e superato gli esami dal primo fino al quinto livello di tecnica NTA per insegnanti e formatori a livello internazionale.

N.B. Dal 2002 è Direttore italiano per l’associazione internazionale NTA e Maestra con brevetto di 5° livello NTA.

 

All’interno dell’Associazione Internazionale NTA, Efi è costantemente aggiornata di tutte le variazioni ed evoluzione di questo genere di ballo e scrive, durante l’anno, diversi articoli di tecnica per il giornale americano NTA che è inviato a tutti, competitori agonisti ed amatoriali e insegnanti di ballo qualificati, del mondo.

L’insegnante partecipa regolarmente a eventi internazionali e stage di aggiornamento in tutto il mondo.

 

N.B. E’, in questo periodo, l’unico formatore qualificato in Italia sia per quanto riguarda gli atleti competitori sia per la formazione di chi diventerà insegnante con il superamento dei vari livelli di tecnica.

 

Tutti gli insegnanti di ballo in Italia, che possono vantare un brevetto NTA attivo, sono stati preparati da lei al superamento dell’esame.

 

Efi si reca bimensilmente all'estero al fine di perfezionarsi nell'emergente ballo denominato West Coast Swing, che in questo periodo si trova al secondo posto al mondo per popolarità, al seguito solamente del genere latino-americano.

 

 

Che cos’è NTA?

 

NTA é la National Teacher’s Association americana per la Country-Western Dance: www.ntadance.com.

 

 N.B. L’Associazione, fondata nel 1980, è fin da allora l’unica  Istituzione che prepara maestri di ballo e ballerini per tale specialità in America e in tutto il mondo.

 

Mediante il Comitato Esecutivo dell’Associazione, NTA ha eletto direttori nei seguenti Paesi:

U.S.A.

Canada

Germania

Italia

Francia

Svezia

Spagna e Andorra

Inghilterra

 

 

 

Quali sono gli obiettivi di NTA ?

 

Gli obiettivi di NTA sono molteplici.

 

Essa intende promuovere il ballo Country-Western e stabilire una costante comunicazione tra i vari maestri che lo insegnano.

 

N.B. NTA, dal 1990, si occupa di sviluppare una terminologia standard e la base per tutti i passi e le figure.

 

Il suo desiderio è di sviluppare e mantenere un alto livello negli standard dei maestri di ballo Country-Western.

Per raggiungere ciò, aiuta i maestri di ballo country-western a incrementare le proprie specializzazioni e capacità nell’arte della pratica di ballo Country-Western.

 

NTA, infatti, si propone di stabilire delle specifiche tecniche d’insegnamento per i maestri di ballo country-western e tecniche di avanzamento nel livello per i maestri di ballo country-western.

 

L’Associazione assicura ai suoi tesserati il giornale d’aggiornamento che è inviato via posta ordinaria a tutti i maestri di ballo e soci, con scadenza bimensile.

 

Ricordiamo che NTA è la sola organizzazione professionale con una possibilità di associazione internazionale per maestri di ballo e ballerini di country-western.

Si tratta, inoltre, di un’Associazione non a fine di lucro, la cui struttura organizzativa consiste in un Consiglio Direttivo e da Direttori di tutto il mondo.

 

La standardizzazione per i maestri di ballo country-western aiuta lo sviluppo di una guida comune da usare.

Il programma di NTA per i maestri di ballo country-western è stato istituito per migliorare se stessi e i ballerini in generale. Ogni maestro di ballo ha un determinato livello di conoscenze e abilità.

 

Per quanto riguarda la LINE DANCE, cioè il ballo in linea, NTA fornisce ai propri maestri di ballo country-western la possibilità di conseguire ben cinque brevetti corrispondenti a cinque livelli d’insegnamento.

 

I livelli di COUPLE DANCE, cioè dei balli di coppia, sono molti di più.

Questo genere, infatti, include svariati tipi di ballo: Two Step, Triple-Two Step, Cha-Cha, Polka, Walzer, East Coast Swing, West Coast Swing, Mambo, Salsa, e altri.

Quale ballo di coppia in Italia è soprattutto conosciuto e insegnato il TWO STEP, ballo con caratteristiche simili a quello da Sala.

 

N.B  I manuali NTA, venduti in tutto il mondo, sono in lingua inglese e severamente coperti da copyright.

 

Questi possono esser acquistati on-line da tutti sul sito www.ntadance.com. Come per tutti i generi di ballo, e' ovviamente insufficiente lo studio di questo sul solo manuale. Da qui la necessita' della formazione offerta da NTA per una specializzazione tecnica di altissima qualità.

 

 

Considerata la nuova situazione italiana e il livello ottenuto negli ultimi anni, da parte dei maestri di ballo country-western certificati da brevetto NTA, FIDS e CONI hanno riconosciuto, in Italia e a tutti gli effetti, i brevetti internazionali NTA come percorso professionale già intrapreso in tutto il mondo.

Si tratta di fatto, dell'unico percorso di alta qualità esistente al mondo e l'unico riconosciuto a livello internazionale.

Abbiamo rivolto alla Maestra Smaragdakis alcune domande.

 

Dom.  Maestra vuole spiegarci qual è il suo pensiero circa le danze country?

Come si ballano in America ed Europa?

Risp: Il ballo country-western è arrivato in Italia più di venti anni fa, grazie all'esistenza, in alcune zone del nostro Paese, di basi militari americane e alla grande passione di alcuni italiani per questo genere di musica.

Conseguente alla musica è arrivato il ballo.

All'epoca esisteva un'unica associazione nazionale denominata "Country Music Club of Italy", nata nel 1992 , che riuniva tutti gli appassionati di questa musica e di questo ballo.

 Si trattava per la maggior parte, di persone che erano già state negli States e che vivevano a diretto contatto con il mondo equestre qui in Italia e quindi in perfetto stile country-western.

La realtà nel resto dell'Europa era molto simile alla nostra e ricordo varie trasferte organizzate proprio dall'associazione C.M.C.I. per andare tutti a ballare in Germania, in Austria e in Svizzera.

Il C.M.C.I. aveva sede a Vicenza e organizzava festival annuali a cui partecipavano varie band americane ed europee, facendo crescere nei soci e nelle migliaia di persone che poi si sono avvicinate a questo mondo, un amore sempre crescente.

 

Quando sono nati i primi insegnanti di ballo country-western, compresa la sottoscritta, la preparazione esistente era quell'offerta dalla buona volontà di chi andava negli States, imparava varie line dance e il two step e poi insegnava quanto appreso nel nostro Paese.

Ricordo che i primi video acquistabili in America o tramite internet sono stati davvero una scoperta grande: ci sentivamo ormai in grado di insegnare sempre più coreografie e sempre meglio.

Con il passare del tempo e col desiderio di migliorare sempre più, l'Associazione C.M.C.I. e' venuta a conoscienza dell'esistenza di N.T.A. (National Teacher's Association) e la preparazione tecnica che quest'associazione americana poteva offrire.

Da quel momento è iniziata in Italia una crescita continua e progressiva nella preparazione degli insegnanti di ballo e conseguentemente dei propri allievi.

 Ad oggi, questo genere di ballo è finalmente riconosciuto anche in Italia da CONI e FIDS.

 

 

Dom. In Italia, girando per i locali dove si balla il country, si notano gruppi di persone di tutte le età, ballare in posizione un po’ piegata con le mani in tasca o alla cintura. Molti maestri sostengono che questa sia la posizione più corretta.

Lei cosa ne pensa?

Risp: il problema è che in Italia, non tutti gli insegnanti hanno intrapreso un percorso di crescita tecnica. Molti insegnanti ballano e ancora insegnano come si faceva venti, quindici o dieci anni fa oppure si tratta di persone che dopo aver imparato una dozzina di line dances si considera "insegnante di ballo".

Dopo anni di studio di tecnica, che sappiamo esistere per qualsiasi genere di ballo, le mani in tasca o comunque ancorate alla cintura, sono certamente superate e inadeguate all'esecuzione del ballo.

Nulla toglie a chi non abbia voglia né tanto meno tempo per studiare, di continuare a divertirsi così, ma non ci sono dubbi sul fatto che una preparazione tecnica non insegna nulla di simile.

E' bene però, che tutti siano informati su quella che invece è la realtà mondiale. Ormai in tutti i Paesi si è iniziato un percorso di studio della tecnica, ovviamente a vari livelli.

Inghilterra e Francia sono certamente all'avanguardia rispetto a noi.

Per tornare alla domanda, occorre considerare due modi di ballare il country: quello da sala e quello da gara. La posizione "ricurva" e le mani in tasca non appartengono ad alcuna delle due condizioni. Un ballerino deve sempre mantenere una postura eretta ed elegante: mani e braccia devono sempre esser libere di muoversi per agevolare i movimenti, specie nell'esecuzione dei giri, ma anche per l'equilibrio. Conseguenza non trascurabile e' inoltre un accrescimento del valore estetico.

 

Senza entrare in dettagli tecnici, va specificato che oltre alla posizione sempre eretta, le braccia sono in ogni caso tenute lungo i fianchi e le mani, libere dal corpo, tra pancia e stomaco.

E' sempre bene ricordare che una buona postura e la tecnica di ballo consentono di evitare i danni a schiena e ginocchia. Una buona tecnica significa “salute”.

 

 

Dom. Negli ultimi anni, in Italia, il country ha subito un periodo d'insicurezza. Fra gli insegnanti di questa disciplina non vi è stata coesione e uniformità d’insegnamento. Si è parlato allora di “OId style” e “New style”, facendo riferimento a stili diversi in base alla caratteristica del ballo.

Qual è il suo parere al proposito?

 

Risp: In nessuna parte del mondo esiste tale distinzione. E' stata "creata" da MIDAS per cercare di creare un legame, che come spiegavo all’inizio, sarebbe stato impossibile, tra chi ballava con tecnica acquisita da studio e fatica e da chi, invece, non aveva mai intrapreso questa strada.

L'esito l’abbiamo notato in molti: i due gruppi non si sono mai amalgamati e i contrasti si sono accentuati. A tal proposito, da molti anni, si è discusso in FIDS d'avviare l'agonismo, proprio per differenziare i due gruppi ma purtroppo non si e' ancora giunti a questo. Speriamo in un prossimo futuro!

 

 

Dom. Molti maestri, dovendo preparare gli allievi per le gare, si sono sentiti in difficoltà nella scelta dello stile più corretto. In pista, durante i campionati di Rimini dello scorso anno, si sono visti differenti modi nelle posizioni di ballo, nell’utilizzo del corpo e delle braccia.

A cosa si deve, questo, secondo lei?

 

Risp: Come ho già spiegato, l’uso delle braccia è necessario per un buon equilibrio, per agevolare i giri e, soprattutto, per conferire eleganza alla figura e al ballo.

Le braccia, quindi, devono esser usate, poiché costituiscono la “frame”,  ossia la “cornice” della nostra danza, molto importante anche dal punto di vista estetico.

Nelle gare in ambito agonistico internazionale, quest'uso è ulteriormente accentuato.

In Italia, nelle competizioni cui abbiamo finora assistito e organizzate  solamente nel settore amatoriale, occorreva secondo il mio parere curare maggiormente questo aspetto.

Ciò non è avvenuto proprio a causa dell scarsa, anzi assente conoscenza della tecnica internazionale della Country Western Dance.

 

 

Dom. Sappiamo che per le danze nazionali, latine, caraibiche e altre, esistono manuali di tecnica, riconosciuti a livello nazionale e in alcuni casi, internazionale. Per le danze country sono stati preparati alcuni manuali ma nulla di ufficialmente riconosciuto e condivisibile. Ogni maestro ha seguito, così, la propria strada appoggiandosi a indicazioni di vario genere o a consigli spesso molto costosi di personaggi considerati illustri, spesso in disaccordo tra loro.

In questo modo la confusione è aumentata.

Quali consigli può dare a chi desidera prepararsi con serietà e conoscere la tecnica più corretta e riconosciuta in campo internazionale?

Risp: Per chi è realmente intenzionato a imparare a ballare, senza confondere la quantità delle coreografie imparate con la qualità con cui sono apprese e di conseguenza successivamente eseguite, consiglio  di intraprendere il percorso di formazione offerto da NTA, l'associazione americana a cui fa capo l'intero mondo del country internazionale.

 Il manuale NTA è venduto dall'Associazione americana stessa ma, come per tutti i manuali, non è sufficiente alla preparazione di un maestro.

Si tratta, infatti, di un manuale utile solo per chi ha già studiato la tecnica sotto la guida di un valido insegnante.

Per intraprendere il percorso NTA, è possibile seguire lezioni preparatorie all'esame per il conseguimento dei brevetti internazionali, poi riconosciuti da CONI e FIDS.

Per informazioni, si può scrivere all'indirizzo e-mail: ntadance.efi@gmail.com.

 

Ringraziamo la Maestra per la disponibilità e la precisione con cui ha risposto alle nostre domande.

Le porgiamo tanti auguri per la sua professione sicuri che, d’ora in poi, chiunque vorrà intraprendere un percorso formativo di alto livello, in queste meravigliose danze, potrà trovare dei maestri validi e aggiornati cui rivolgersi.


Marcella Costato
Vedi anche: www.tuttoballo.net


 

Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)