Il mondo del ballo in Italia
31 gen 2011

A cura di
Rosario Rosito
DI BALLO SI VIVE, NONOSTANTE LA FIDS

Vogliamo dircelo senza esitazioni? L’Espresso, con l’articolo di Sabina Minardi “Ballando tra le polemiche” ha ufficializzato, portato in superficie ed esposto alla luce del sole tutto quello che gli addetti ai lavori, maestri e ballerini, sanno da una vita. Da quando il presidente Galvagno ha riorganizzato il settore, si parla solo di brogli, denunce, diktat, divieti, malumori, sconfessioni. Com’è stato possibile che l’esercito degli appassionati si sia comunque via via ingrandito, non riusciremo a capirlo facilmente. Logicamente i responsabili federali, presidente in testa, gonfiano il petto e si autocelebrano assumendosi ogni merito per la crescita del movimento e respingendo sdegnosamente ogni accusa di malaffare, ma i fatti di cui parla l'ESPRESSO sembrano delineare qualcosa di molto diverso. Il maestro Pregnolato, lo apprendiamo dall’articolo citato, ha raccolto le prove, ha registrato gli imbrogli al campionato italiano e forse non è stato l’unico a farlo. Il sindacato dei competitori, Sicodas, aveva denunciato tutto già due anni fa. In questo periodo, piuttosto lungo, il Coni non è intervenuto. Ora Petrucci dovrà spiegare perché non l’ha fatto. Perché nonostante le denunce scritte, le sollecitazioni argomentate e circostanziate, culminate ora con l’articolo dell’Espresso, non si è mossa una foglia. Probabilmente, a questo punto, non resta che il commissariamento della Fids. Galvagno a casa, a meditare sulle sue incredibili forzature, sulla guerra agli inglesi, i divieti ai campioni italiani, gli strali infuocati lanciati dal sito federale, in una sola parola: gli eccessi. Come altro definire una politica che va contro tutto ciò che è esterno e preesistente alla federazione stessa? Che non tiene in debito conto la tradizione, i meriti sportivi, le competenze reali, le esigenze di serenità e legalità dei competitori? Eccessiva e anche, se vogliamo, spudoratamente egocentrica, miope, incapace di confrontarsi serenamente col professionismo e col vero business, quello sano e legale, radicato nelle professionalità, nei meriti sportivi, nei riconoscimenti a 360 gradi, che gira intorno al ballo ben prima che Galvagno stesso calzasse le sue prime scarpine da ballo.
Inevitabilmente ora i nodi vengono al pettine. Il commissariamento della Fids sembra ormai inevitabile. È l’unica strada percorribile dal Coni per dimostrare la propria estraneità ai fattacci che l’Espresso denuncia: illeciti sportivi, conflitti d’interesse, creazione di un gruppo di potere per lucrare sui risultati sportivi. Ed oggi, che la polemica ed i sospetti sono stati portati alla ribalta nazionale, le persone comuni, i non addetti ai lavori, si chiedono perplessi:

Perché il sistema gare non è stato disciplinato attraverso specifiche norme riguardanti la designazione degli ufficiali di gara?

Perché tale regolamentazione è stata disattesa dagli organi della Fids (Presidente e consiglio federale) nonostante le specifiche norme statutarie di cui agli articoli 80 (incompatibilità tra insegnante tecnico e giudice di gara) e 66 (designazione del personale arbitrale a cura del settore arbitrale nei termini e secondo le modalità previsti dal regolamento organico e dal regolamento del settore arbitrale)?

Perché la Direzione tecnica nazionale diretta dal consigliere federale Valeri e i suoi più stretti collaboratori (Angelo Tecchio Coordinatore del settore tecnico e Flemack Coordinatore del settore arbitrale) non hanno predisposto in 2 anni e tre mesi (30 ottobre statuto FIDS approvato dal CONI) quanto necessario per aggiornare il regolamento organico ed emanare il regolamento arbitrale?

Perché il CONI, al quale è demandata la vigilanza sulla FIDS, in base all’articolo 23 del proprio statuto non ha imposto la regolamentazione del sistema gare, specie dopo le diffide del SICODAS e le sollecitazioni e le richieste avanzate anche da molti atleti di fama mondiale?

Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)