Il mondo del ballo in Italia
29 ott 2007

A cura di
Rosario Rosito
DIPLOMARSI E UMANO, MA RICONVERTIRSI E DIABOLICO!
 La novità era dietro l’angolo, ma nessuno sembrava farci   caso; ma come mai non ci avevamo pensato prima? Una bella mano di vernice, a prezzo ragionevole, et voilà, il tuo diploma di Maestro diventa più utile, più bello, più ufficiale, quasi divino. Anzi quasi un vero diploma, come quello Isef. E noi, poveri sbadati professionisti, che non ci avevamo pensato! La parola d’ordine dunque è diventata “riconvertire” (ad un ragionevole prezzo).
Ma cosa c’è da riconvertire, chiede attonito un vecchio maestro di ballo, se questo diploma mi è stato dato da un’Associazione di Maestri, se quegli stessi Maestri che ora mi vogliono premurosamente “convertire” hanno sempre insegnato con un diploma simile a questo, se nessuna ufficialità statale è stata sostanzialmente mai data a nessun diploma di ballo, cosa riconvertiamo, l’aria fritta? Possibile che uno stemma federale sia tanto prezioso? Neanche la Siae ha mai osato pretendere tanto per un bollino...
Che brutta piega che hanno preso certi centri di potere. Sembra che tutto sia lecito, soprattutto il raggiro della buona fede di chi, magari poco informato, da credito a tutte le trovate in technicolor.
Allora c’è bisogno che qualcuno lo dica senza mezzi termini: Non esistono diplomi da riconvertire, non sono mai esistiti in nessun campo dello scibile umano. Ogni epoca, ogni generazione, ha le sue regole particolari. Il mio diploma di Conservatorio è diverso da quelli attuali, la legge Moratti ha cambiato un po' tutto, ma nessuno si è sognato di chiamarmi per “riconvertire” alcunchè! Ed attenzione, parlo di diplomi statali, che hanno una valenza certamente maggiore dei diplomi rilasciati da libere associazioni private di cittadini.
Dunque non lasciatevi irretire da abbaglianti promesse ed ingannevoli pubblicità: la valenza del vostro diploma è, e rimane, quella per cui vi è stato rilasciato. Nessuna nuova associazione od agenzia, per quanto propagandata e sostenuta dalla federazione, ha titolo per riconvertire alcunchè. Si tratta di un banale tentativo di “rilasciare” un ulteriore diploma a pagamento, da parte, più o meno, delle stesse persone fisiche che vi hanno rilasciato il precedente.
Se poi c’è chi prova un perverso piacere nel pagare due volte lo stesso prodotto, si accomodi pure.
Dice il cinese saggio: nell’incertezza, dai credito a chi ti chiede meno!
Rosario Rosito, 29 ottobre 2007
Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)