Il mondo del ballo in Italia
14 mar 2007

A cura di
Rosario Rosito
FRED ASTAIRE
'Nel suo più famoso aforismo, c’è tutta la personalità e la mentalità del più grande ballerino di danza moderna di tutti i tempi. La buona educazione, la misura, le buone maniere, la saggezza e l’ironia del personaggio sono arcinote. Fellini ha persino intitolato un film (Ginger e Fred) senza bisogno di citare i cognomi, tanta è stata l’universale popolarità di Fred Astaire e della sua dama più famosa, Ginger Rogers. Dalle sue origini austriache (il padre emigrò in America negli ultimi decenni dell’ottocento) Fred aveva senz’altro mutuato la morigeratezza e la costanza. Insieme alla sorella Adele, giovincello, rimane affascinato dal tip tap e frequenta, con grande profitto, l’accademia di danza moderna. Il successo arride subito alla straordinaria coppia di fratelli che approda, in men che non si dica, a Brodway, già allora sinonimo di musical e spettacolo. Oltre alla grazia, che lo fa sembrare quasi in levitazione, anche nei passaggi funambolici e nei momenti maggiormente virtuosistici dei suoi spettacoli, Fred ha dalla sua una assoluta musicalità, un senso del ritmo fuori dal comune ed una bellissima voce. Sarà uno straordinario ed indimenticabile interprete di brani di Cole Porter e George Gershwin. La più famosa coppia di tutti i tempi, Fred e Ginger, si forma nel 1934; pochi anni prima Adele si era sposata e ritirata dalle scene. Per le nuove generazioni è difficile farsi un’idea dell’immensa popolarità della coppia, divenuta sinonimo stesso del ballo; a tal punto che, tutte le volte che si assisteva all’esibizione di un bravo ballerino si commentava: “sembra Fred Astaire”. Ma ritorniamo all’aforismo da cui siamo partiti. E’ assolutamente attuale pur essendo stato coniato almeno 50 anni fa. Spesso ci lamentiamo della scarsa educazione dei giovani, dimenticandoci un piccolo, insignificante particolare: da chi la dovrebbero apprendere? Quando mai l’hanno vista o vissuta? La nostra moderna società è tutta un “sopruso”. Delle buone maniere nemmeno l’ombra. È logico, direi fisiologico, che le nuove leve non adottino le buone maniere; non le conoscono affatto!
Fred Astaire è morto nel 1987, le sue straordinarie performance si possono ammirare nelle seguenti opere:



film
C'era una volta Hollywood (1974)
Il colpo era perfetto, ma... (1969)
Sulle ali dell'arcobaleno (1968)
L'affittacamere (1962)
Il piacere della sua compagnia (1961)
L'ultima spiaggia (1959)
La bella di Mosca (1957)
Cenerentola a Parigi (1956)
Papà Gambalunga (1955)
Spettacolo di varietà (1953)
Sua Altezza si sposa (1951)
Torna con me (1950)
Tre piccole parole (1950)
I Barkleys di Broadway (1949)
Ti amavo senza saperlo (1948)
Ziegfeld Follies (1946)
Jolanda e il re della samba (1945)
Non ti posso dimenticare (1943)
Non sei mai stata così bella (1942)
La taverna dell'allegria (1942)
L'inarrivabile felicità (1941)
Balla con me (1940)
La vita di Vernon e Irene Castle (1939)
Girandola (1938)
Voglio danzare con te (1937)
La magnifica avventura (1937)
Follie d'inverno (1936)
Seguendo la flotta (1936)
Roberta (1935)
Cappello a cilindro (1935)
Cerco il mio amore (1934)
La danza di Venere (1933)


Libri
Reader's Digest Family Songbook, The R. D. Association, New York 1969
Stephen Harvey, Fred Astaire, Milano Libri Ed., Milano 1978
Roy Pickard, Fred Astaire, Crescent Books, New York 1985
Bob Thomas, F. A. l'homme qui danse, Ramsay Ed., Paris 1987
John Mueller, Astaire dancing, Wings Books, New York 1991
Alain Masson, Comédie Musicale, Ed. Stock Cinema, Paris 1981
Fred Astaire, Steps in Time, Harper & Brothers, New York 1959
Arlene Croce, The Fred Astaire & Ginger Rogers Book, Outer Bridge, New York 1972
Suzanne Topper, Astaire & Rogers, Leisure Books, New York 1976
Patrick Mc Gilligan, Ginger Rogers, Milano Libri Ed., Milano 1977
Jeanine Basinger, Gene Kelly, Milano Libri Ed., Milano 1982
Mariane Vidal e I. Champion, Histoire des plus Célèbres Chansons du Cinéma, M. A. Ed., Paris 1990
Clive Hirshhorn, The Hollywood Musical, Octopus Books, London 1981
Stanley Green, Encyclopaedia of the Musical Film, Oxford Univ. Press, Oxford 1988
Maurizio Porro, Addio Fred Astaire, Corriere della Sera (23 giugno 1987)
Mario Pasi, Un gentiluomo in frac con sangue viennese, Corriere della Sera (23 giugno 1987).Follie di jazz (1940)
Claver Salizzato, Ballare il film, Savelli Spettacolo, Milano 1982
Maria Pia Fusco, Frederick Austerlitz di Omaha, La Repubblica (23 giugno 1987)
Alvise Sapori, Quando ballare con lui era per tutti un privilegio, La Repubblica (23 giugno 1987)
Carioca (1933)Mario Pasi, Un gentiluomo in frac con sangue viennese, Corriere della Sera (23 giugno 1987).




Rosario Rosito, 04 gennaio 2006
Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1° piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)