Il mondo del ballo in Italia
28 ott 2008

A cura di
Sauro Amboni
Giudici di Gara: Formazione e novita'.





 Premessa

 

La formazione culturale e il costante aggiornamento del Maestro di Ballo rappresentano il passaggio obbligato e indispensabile per rispondere ad esigenze sia Agonistiche che Educative, Formative e Culturali. Questa è la missione principale di ogni seria organizzazione.

Tutto ciò assume un ruolo ancor più importante quando il Maestro di Ballo svolge la delicata funzione di Giudice di Gara.

 

 

Giudici di Gara

 

Le particolarità che un competitore deve tenere presenti per una esecuzione vincente e che un giudice di gara serio e competente deve osservare, sono molte e con un grado di importanza che è differente a seconda se la coppia balla in una classe iniziale o in una avanzata, se balla per divertimento oppure per conquistare il titolo, se la coppia è alle sue prime esperienze in quella categoria oppure se è già all’apice delle sue possibilità ed esperienza, se è un amatore o professionista, se ci si trova in una esibizione con una o due o tre coppie in pista oppure in una competizione con regolari turni, semifinali e finali.

Ballare con originalità è importante ma con troppa originalità può invece essere non gradito a qualche giudice di gara e mutare in penalità.

 

 

Se noi giudici di gara potessimo dare il voto individuale ad ogni coppia (per esempio da uno a dieci come nelle scuole medie) potrebbe, in una finale, prendere il voto “nove” la prima coppia e il voto “nove meno” o otto l’ultima; e non esserci neppure un sette e neppure un sei e tantomeno una insufficienza.

 

In conclusione, una coppia in pista per fare una bella competizione, ma veramente bella, dovrebbe osservare alcune centinaia, forse migliaia, di regole tecniche e accorgimenti artistici che si acquisiscono solo con anni di studio, esercitazioni, allenamenti ed esperienza di pista.

 

Non diciamo sacrificio, altrimenti sarebbe meglio dedicarsi ad un altro sport: il vero sport si fa con passione, amore e tanto entusiasmo; tutto questo non è sacrificio ma è piacere.

 

Tuttavia, dall’esperienza fin qui raggiunta e da quella di molti campioni, insegnanti e dalle testimonianze acquisite ai congressi tecnici, è però possibile riassumere in poche regole il complesso e articolato mosaico di una competizione vincente.

Nei Congressi di aggiornamento, appunto, si promuovono, discutono armonizzano e ufficializzano tutte queste regole di comportamento dei Giudici di Gara per un corretto, omogeneo, confrontabile e concorde metodo di giudizio sul Ballo dei competitori in pista.

 

                              


Un Congresso

Un Congresso FIDS ha infatti definito e aggiornato questo complesso mosaico di regole e comportamenti.

A Rimini il 21 ottobre c.a. in armonia con i principi ispiratori del settore formazione della FIDS, si è svolto un Convegno formativo per la qualificazione della figura di “Giudice di Gara”, riservato a Giudici e Tecnici FIDS per la specialità BS & LU e Danze Nazionali.

 

Con 400 presenti, di tutte le regioni, sono state ufficializzate le nuove regole di giudizio, le nuove formalità di annotazione, le nuove figurazioni, la modifica alle figure già in vigore, le variazioni ai programmi di gara e l’allocazione di tutte le figure vecchie e nuove nelle rispettive Cassi B2, B1, A, A2, A1 e M.

 

 

                                                  


Ecco la sintesi delle principali novità.

 

Nella Mazurka sono state inserite sei nuove figure, con 14 varianti fra le nuove figure e quelle aggiunte alle vecchie figure, e cambiato il nome a tre figure attualmente in vigore. Per esempio è stata introdotta la nuova figura “passo stop a sinistra”. Relatore è stato il Maestro Giuseppe la Grutta mentre la dimostrazione didattica in pista è stata a cura dei maestri Raffaella Grassi e Salvatore Cantone. 

Nel Valzer Viennese è stata inserita una nuova figura, con 4 varianti e cambiato il nome a nessuna delle figure attualmente in vigore. Per esempio è stata introdotta la nuova figura “fleckerl a destra”. Relatore è stato il Maestro Danilo Cuccureddu mentre la dimostrazione didattica in pista è stata a cura dei maestri Loredana Bellini e Roberto Cologni.

Nella Polka sono state inserite sei nuove figure, con 10 varianti nuove, e cambiato il nome a due figure attualmente in vigore. Per esempio sono state introdotte le due nuove figure “passo stop a sinistra e passo stop a destra”. Relatore è stato il Maestro Francesco Girella mentre la dimostrazione didattica in pista è stata a cura dei maestri Giancarla Cantamessa e Luca Raffaelli.

                           


Per l'articolo completo, clicca qui e seleziona il N. 125. 

Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

Per imparare/migliorare