Il mondo del ballo in Italia
27 gen 2011

A cura di
Sauro Amboni
I consigli tecnici di Adalberto Dell’Orto: 1^ parte.


 
I consigli tecnici di Adalberto Dell’Orto
 


Lalla e Adalberto Dell'Orto
(Foto di repertorio)



“BALLARE E’ FACILE"
MA BALLARE BENE E’ DIFFICILE !!!

Prima parte
 
 
PREMESSA

(a cura di Marcella Costato)

 
 
Maestra Marcella Costato
(Tecnico FIDS/CONI)
 

Il ballo ha sempre avuto tra le sue fila moltissimi appassionati. Chi inizia a ballare lo fa, spesso, per diletto o svago.

Ritrovarsi nelle discoteche fra amici per provare a muoversi, azzardando qualche passo e osservando gli altri ballerini, fa parte dei primi approcci alla danza.

 

In un secondo tempo si capisce che nel ballo c’è molto di più: movimenti fluidi e sincronizzati a quelli del partner, capacità di seguire il tempo musicale o prendere la direzione di ballo corretta e altro ancora.

Per molti inizia, così, la ricerca di una scuola e un Maestro per frequentare lezioni collettive che, se la passione è forte, diventeranno individuali.

 

Il bravo Maestro e il partner adatto aiutano a scoprire un mondo fatto di tecnica e allenamento, entusiasmo e sacrifici. Si prende consapevolezza che i più bravi, i campioni, hanno dedicato studio e devozione per avere la soddisfazione di salire su un podio.

 

Ballare, quindi, non significa muoversi casualmente al ritmo della musica.  Gli insegnamenti di chi ha dedicato una vita a questo sport, sono preziosi per coloro i quali desiderano migliorare le proprie prestazioni.

 

Il Maestro Adalberto Dell’Orto, in questo articolo, di elevato valore tecnico e formativo, mette la sua professionalità, maturata in cinquant’anni di studio, ricerca e pratica, al servizio di quanti vogliono conoscere e approfondire questo sport meraviglioso.

Siamo sicuri, come lui stesso auspica, che ogni ballerino o atleta competitore passo, dopo passo, possa migliorare e spingersi sempre un po’ più in là nel suo sapere.


 
 
L’intervista
 

Domanda: Maestro vorrebbe spiegare come si guida una dama e quali sono gli aspetti essenziali da tenere in considerazione quando si inizia a ballare insieme?

 

Risposta: L’abilità di guidare e comunicare con il proprio partner è essenziale per ottenere buoni risultati e, di conseguenza, successo in una competizione.

Per completare quanto detto, credo sia molto utile sia per il cavaliere sia per la dama, essere dotati  di un bel fisico e  possedere le seguenti caratteristiche: buon portamento, corretta posizione e presa sicura.

E’ importante, inoltre, stabilire un contatto efficace tra i corpi, attraverso il quale il cavaliere può trasmettere e comunicare alla propria dama la sua azione e musicalità, oltre alla direzione che intende prendere.

Una posizione ben amalgamata e compatta del corpo, confortevole e rilassata è essenziale per ballare bene ed esprimere con il movimento quello che la musica dovrebbe trasmettere alla coppia.

E’ importantissimo, inoltre, avere un perfetto equilibrio perché questo permette di guidare o seguire il partner con più facilità.

E’ indispensabile, ma non sempre necessario, che nella coppia “uno guidi” e “l’altro segua”.

 
A mio avviso i punti essenziali sono tre:
 

1 Essere capaci di creare il miglior movimento e stile possibile attraverso la sincronizzazione.

2 Essere in grado di muovere in modo  fluido cercando di interpretare la musica.

3 Saper cambiare coreografia e direzioni, quando è necessario, per meglio usufruire   degli spazi liberi.

 
 
 
STEFANO FANASCA E MICHELA BATTISTI
(Pluricampioni del Mondo professionisti)
Tecnici FIDS/CONI
 

Domanda: E’ vero che la guida spetta sempre al cavaliere?

 

Risposta: La guida nelle danze standard è tradizionalmente, ma non sempre necessaria,emte affidata al cavaliere, anche se in qualche occasione, questo ruolo può essere invertito.

 
 
 
 

Domanda: Maestro ci potrebbe spiegare in che modo avviene la guida del cavaliere?

 

Risposta: Potrebbe sembrare naturale che la guida avvenga usando le braccia. Le braccia, in realtà non devono avere parte attiva nella guida.

La coppia si muove unita e i segnali sono trasmessi dal cavaliere e ricevuti dalla dama attraverso il contatto della parte centrale del corpo.

Questo contatto, per precisione, è localizzato nell’area frontale dei muscoli situati fra la pelvi (fianchi e/o addome) e la cassa toracica.

Desidero rilevare che lo sviluppo e il controllo di questo gruppo muscolare sono importanti in molti sport e in ogni tipo di danza.


Alcune posizioni di coppia nei campioni professionisti a livello mondiale

 
 

Domanda: Quali aspetti, allora, si dovrebbe osservare per avere una buona guida?

 

Risposta: Per ottenere e avere una buona guida bisogna tenere in considerazione diversi punti.

1                La posizione dei piedi: ossia  la posizione di un piede in relazione    all’altro.


2                L’allineamento: cioè  la posizione dei piedi riferita alla sala.


3                 L’ammontare del giro (riferito ai piedi).


4                L ’elevazione e l’abbassamento.


5                Il movimento contrario del corpo (che attualmente ha cambiato denominazione in “Torsione”).


6                L’inclinazione.


7                Il  tempo.

 
 
 

Domanda: Quali consigli e suggerimenti lei darebbe ai cavalieri per guidare al meglio la propria dama?

 

Risposta: Per quanto riguarda la presa che permette di guidare il partner, io consiglio al cavaliere di mettersi in posizione eretta, di fronte alla dama, con lei leggermente posizionata sul suo lato destro. In modo può facilmente muovere le gambe, in avanti, indietro e a lato, senza avere alcun ostacolo o impedimento.

 

Il cavaliere deve, poi, aprire e alzare entrambe le braccia a lato, con i gomiti al di sotto delle spalle al fine di non creare una posizione contratta, rigida e antiestetica.

A questo punto egli piega il gomito destro e mette la mano destra appena sotto la scapola sinistra della dama.

E’ importante che l’avambraccio destro del cavaliere rimanga in contatto con l’ascella sinistra della dama.

Occorre, quindi, piegare il gomito sinistro e prendere la mano destra della dama, tenendo le due mani unite pressappoco all’altezza degli occhi. (foto 3)

Per quanto riguarda la dama, appoggerà la mano sinistra sul braccio destro del cavaliere appena sotto la spalla. Alzerà il braccio destro e unirà la mano destra con la mano sinistra del cavaliere.

 
 
 
 

Domanda: In caso di altezze molto diverse tra i partner le regole sono le stesse? 

 

Risposta: L’insegnante o il Maestro dovrà tenere in seria considerazione eventuali e possibili eccezioni dovute, ad esempio, alla statura della coppia e al fisico (cavaliere molto più alto della dama o viceversa ballerina molto più alta del cavaliere).

 

Per quanto riguarda il portamento e di conseguenza la posizione nelle Danze Standard, il cavaliere deve assumere e mantenere una posizione diritta, con il peso del corpo sulla pianta dei piedi e i tacchi a contatto del pavimento.

Le spalle e le braccia sono rilassate e la testa eretta come se il cavaliere “avesse la puzza sotto il naso”.

E’ importante mantenere le ginocchia flesse, mai tese o diritte.

 
 
 

Domanda: Maestro quali consigli, allora, per le dame?

Risposta: La Dama dovrebbe mantenere una posizione diritta con la testa leggermente indietro e verso sinistra; il peso del corpo sulla pianta dei piedi e le ginocchia leggermente flesse.

Gli insegnanti o i maestri, naturalmente, non la pensano tutti come il sottoscritto. Ecco spiegato il motivo perché molto spesso si vedono dame esageratamente piegate indietro con la schiena con la conseguenza di creare tensione e di trasmetterla al proprio partner.

Un fattore importantissimo e da non trascurare è che il più delle volte la dama finisce il ballo accusando mal di schiena e dolori al collo.

 
 

Una volta raggiunto, con allenamento e competizioni, un buon affiatamento e sincronismo, il cavaliere sarà in grado di guidare la dama in quello che è il terzo punto citato all’inizio.

Si tratta di saper cambiare coreografia e direzioni per meglio usufruire degli spazi liberi.

 
Continua con gli altri consigli e col curriculum di vari campioni.

.
Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1° piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)