Il mondo del ballo in Italia
05 mag 2010

A cura di
Rosario Rosito
I MORTI DI FAME NON SANNO BALLARE

Un ironico quadretto che descrive, non senza amarezza, una realtà piuttosto ingiusta, dove ormai le possibilità economiche sovrastano di gran lunga il talento naturale. Il tutto, manco a dirlo, a scapito dello sport ed a favore del business...ma vediamo cosa scirve "cecchi" (questo è il nick dell'autore):

"Da quando il liscio è uscito dalle aie romagnole prima, dalle feste dell’Unità poi, transitando dalle Balere per approdare ai Palazzetti. In questo viaggio ha perso del tutto il carattere proletario di “Sinistra”, per diventare figlio della “Borghesia” e dei “Radical Chic”.
E’ esploso un enorme giro di affari: Balere, Orchestre, Scuole di Ballo, Maestri, Etichette Musicali, Sarti, Parrucchieri, Calzolai, ecc. ecc.
Più il ballo diventava “Bisenesse” (citazione dal Padrino), più si perdeva la puzza delle aie Romagnole.
Oggi ci piaccia o non ci piaccia, il Ballo si sta chiudendo in una nicchia elitaria di danarosi ballerini (competitori e non). La cosa allucinante è che sono riusciti a spennare con Stage e Private pure i ballerini del SocialBalera, per capirci quelli che ballano il trikkeeballacche del sabato sera nelle Balere strapiene.
Ritorno da Rimini, e vi garantisco che se date una occhiata al parcheggio dei Boss della Focus (ex?), la macchina più scatorcia è il BMW X6.
Stesso panorama con i Boss della TD al Trofeo Colombo.
Il panorama dei Ballerini delle AS e A1 è esattamente lo stesso, come può pensare un paramedico o un operaio della 56/61 di competere con chi è un industriale, un padrone di una sartoria illustre, un proprietario di una catena di salumerie, un dirigente, ecc. ecc.
Come può pensare di cambiarsi d’abito ad ogni gara o di aderire in uno stage a un pacchetto di 4 private da 90 eurini/minimo da 45 minuti l’una (per ogni giornata dello Stage). Di poter in una gara internazionale salutare il 90% dei Giudici, solo perché con questi ci ha fatto lezione.
Caro operaio o paramedico, come puoi pensare che in una gara il 50% di quel 90% di Giudici ti possano degnare di uno sguardo o di una croce. Vai ritorna a fare gli sport da operaio, al massimo la Briscola, la scopetta e le Bocce. Levati dai maroni che è meglio. Leva quella tua macchinaccia da 20.000 euro (pagata a rate perdipiù) da vicino le TOPCAR di ballerini e maestri che contano. Levati di mezzo con quei capelli fatti da te e con quelle chincaglierie da bancarella Cinese. Poi smetti di fare polemica rispetto al fatto che balli meglio, ricordati che i morti di fame non sanno ballare."

Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Ricerca partner

Per imparare/migliorare

52 anni - Per imparare/migliorare

Treviso (TV)

45 anni - Per imparare/migliorare

Padova (PD)