Il mondo del ballo in Italia
16 feb 2011

A cura di
Rosario Rosito
IL SINDACATO COMPETITORI TIENE ALTA LA GUARDIA

L’UNIONE SINDACALE DI BASE

Confederazione del Piemonte, alla quale aderisce il SICODAS

VISTA

la lettera del 3 luglio 2007 indirizzata al Presidente della FIDS Ferruccio Galvagno, con la quale si denunciava il perverso e poco trasparente meccanismo di designazione degli ufficiali di gara e si proponeva una regolamentazione più trasparente e rigorosa a salvaguardia dei diritti di tutti i competitori;

VISTA

la lettera aperta del 24 maggio 2008 indirizzata al Presidente del CONI Giovanni Petrucci con la quale si chiedeva  di intervenire d’autorità affinché la designazione degli ufficiali di gara venisse  regolamentata,  tenendo conto in primis del principio di terzietà previsto dall’articolo 33, comma terzo del proprio statuto, per evitare che si innescasse un meccanismo di palese conflitto di interessi che avrebbe potuto sfociare nel reato di frode in competizione sportiva  previsto dall’articolo 1 della legge 401/1989;

PRESO ATTO

che, nonostante lo statuto della FIDS ,approvato dal CONI sin dal 30 ottobre del 2008, contemplasse agli articoli 80 e 66   l’incompatibilità tra insegnante tecnico e ufficiale di gara e le modalità in base alle quali  procedere alla designazione del personale arbitrale, la FIDS, in spregio a tali norme, ha  mantenuto ed alimentato  il perverso, poco trasparente  ed arbitrario SISTEMA di designazione degli ufficiali di gara rendendo fattibile ogni illecito sia a livello locale che centrale;

CONSIDERATO

che  la grave omissione della FIDS di regolamentare il  SISTEMA GARE,  secondo le disposizioni statutarie di cui agli articoli 80 e 66, ha leso gravemente l’interesse giuridicamente tutelato di tutti i competitori perché ha fatto  venir meno  la certezza di un corretto e leale svolgimento della competizione sportiva agonistica  e la genuinità dei suoi risultati;

VISTO,

il comunicato stampa del 31 gennaio gennaio u. s. con cui si chiedeva al CONI il commissariamento della FIDS;

PRESO ATTO

che il CONI con provvedimento 8 febbraio 2011 ha commissariato la FIDS, nominandola in via d'urgenza e con effetto immediato Commissario Straordinario;

TENUTO CONTO,

che la danza sportiva italiana coinvolgendo più di  10000 scuole di ballo, 5000 maestri oltre 100000 iscritti e migliaia di famiglie, necessita di un  Sistema di garanzie idoneo a tutelare pienamente i diritti di tutti i competitori che pretendono di essere giudicati da giudici terzi, responsabilmente, con professionalità, serietà trasparenza, imparzialità e soprattutto onestà;

PRESO ATTO

che le gare in calendario FIDS non sono state né sospese, né annullate, né tanto meno regolamentate secondo le specifiche disposizioni statutarie di cui al combinato disposto  degli articoli 80 e 66;

STANTE,

il particolare e delicatissimo momento di transizione, che vede i riflettori di tutto il mondo della danza sportiva puntati su tali gare;

RITIENE,                                                                                                                                   a garanzia della massima trasparenza, serietà, correttezza, legalità e soprattutto per dissipare ogni ombra di sospetto, sul mercatino delle crocette, sui voti di scambio, sui favori che ciascun maestro fa ai propri allievi  ed a quelli del team di appartenenza, sui risultati di gara fatti a tavolino, che Ella sig. Commissario istituisca per ogni gara le seguenti regole basilari ,indispensabili per ridare certezza e fiducia  ai competitori  ed a tutti gli operatori del settore:

1) la designazione degli ufficiali di gara dovrà avvenire per sorteggio pubblico ed a rotazione sulla base di appositi ruoli/elenchi, a cura di una  commissione all’uopo istituita che stabilirà  in  ogni  gara che  il numero minimo  di giudici  non potrà essere inferiore a 36. Per formare i pannelli giudicanti, i giudici assegnati  saranno a loro volta sorteggiati prima dell’inizio della  gara a cura del direttore  ed in presenza di alcuni atleti;

2) i numeri di gara dovranno  essere assegnati man mano che il competitore si presenta in ordine progressivo di arrivo;

3) il giudizio espresso da ciascun giudice in ogni turno di  gara dovrà contestualmente essere reso pubblico mediante mezzi audiovisivi;

4) i giudici di gara non possono giudicare i propri allievi e quelli del team di appartenenza;

5) i giudici nominati nelle gare di campionato e di coppa Italia non possono  fare lezioni o tenere stage ai non allievi;

6) occorre piazzare un paio di telecamere fisse a campo largo in modo che  tutte le competizioni vengano regolarmente registrate;

7) è necessario un controllo rigoroso di uno o più commissari a seconda della tipologia di gara con poteri di sostituzione dei giudici in caso di accertate irregolarità;

8) necessita che vi sia trasparenza assoluta dei risultati di gara attraverso la consegna ad ogni turno dello skating con  l’indicazione  delle preferenze (cioè delle crocette) e del nome del giudice che le ha attribuite, nonché  pubblicazione on line contemporaneamente o subito dopo l’omologazione del giudice sportivo;

9) per consentire al giudice di poter valutare con oculatezza, professionalità ed onestà e parimenti prevenire ogni possibilità di infortuni per il numero notevole di atleti che scendono  in pista nello stesso turno di selezione, è necessario far ballare  nella pista unica  non più di 8 competitori ed in metà pista  non più di 6 ( tale accorgimento pur facendo lievitare di qualche ora la durata della gara rende giustizia a tutti i competitori che possono pertanto esprimere le loro capacità e nello stesso tempo elimina alla radice ogni possibile alibi del giudice di gara, che abitualmente dichiara, in caso di contestazione,  che nei pochi secondi a sua disposizione non ha avuto la benché minima  possibilità di esprimere un idoneo giudizio); 

10) è necessaria  l'osservanza rigorosa di quanto stabilito dalle commissioni tecniche ed in particolare tutte le incompatibilità, come ad es. quella tra  danze standard (a partire dal B2) e ballo da sala;

11) occorre effettuare il controllo  di tutti gli skating di gara a cura di una apposita commissione al fine di accertare eventuali irregolarità o anomalie;

12) al fine di consentire ai giudici di gara una maggiore visibilità della pista è necessario che essi si dispongano in posti già predeterminati in modo tale da occupare l'intera pista e non solo parte di essa;

13) occorre il divieto assoluto di utilizzare telefonini da parte dei giudici;

14) è necessario il divieto assoluto ai maestri, trainer ecc. di sostare ai lati della pista, essendo essa riservata  solo agli atleti;

15) è indispensabile che i locali ove è situato lo staff del direttore  di gara sia visibile ed accessibile solo agli addetti ai lavori.

RITIENE,

altresì, che il Sistema, così chiamato da molti dispensatori di facili risultati pagati a caro prezzo, sia ormai morto e sepolto e pertanto chi intende riesumarlo - come è lecito pensare dalla riunione tenuta, venerdì 11 febbraio 2011 ore 19 presso la sala Corciano dell'Hotel Quattrotorri di Perugia, dal suo predecessore in presenza del Presidente del MIDAS, dell'ex  Coordinatore del settore arbitrale e  di numerosi  giudici che poi il giorno dopo hanno giudicato le gare dei maestri - troverà un ostacolo insormontabile nella scrivente Confederazione sindacale di base che rivendica il diritto di tutti i competitori ad essere giudicati responsabilmente, con trasparenza, imparzialità, neutralità ed onestà;

RITIENE,

infine, che la designazione dei giudici nelle imminenti gare di campionato e di coppa Italia, in calendario a fine settimana, debba essere gestita inderogabilmente in modo nuovo senza che essa subisca l'influenza nefasta dei vecchi potentati di vertice e locali, nonché della maggioranza delle strutture di livello regionale e provinciale ad essi ancora strettamente legata.

Con questi intendimenti la scrivente Confederazione Sindacale di base attende risposte immediate e risolutive nel segno del cambiamento a salvaguardia dei diritti degli atleti e nell'interesse primario dello sport e del Coni.

Torino 14 febbraio 2011                                                   

Coordinamento di Federazione USB-RdB Piemonte
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)