Il mondo del ballo in Italia
27 mag 2010

A cura di
Rosario Rosito
L’ATTACCO IN UN CLICK
C’è una necessità che man mano dovrà essere presa in maggior considerazione dagli operatori didattici del ballo. Mi sto riferendo alla sufficienza con la quale è trattata, anzi pressoché ignorata, la principale difficoltà del principiante: entrare a tempo e rispettarne i battiti.
La questione merita approfondimento. Ogni maestro, in parte empiricamente, ha un suo metodo per approcciare i principianti e aiutarli. Soprattutto c’è attenzione a non scoraggiarne i tentativi e agli aspetti psicologici negativi che potrebbero innescarsi. Ma se parliamo di un vero aiuto musicale, qualcosa di concreto universalmente valido, in giro c’è ben poco.
Ho avuto modo di assistere ed ascoltare, anche in veste di allievo e con diversi maestri, all’approssimazione ed alla inevitabile superficialità con la quale l’argomento viene di solito liquidato. La frase tipica, che chiude ogni discussione è “ci vuole tempo ed esperienza, pian piano riuscirete”. Alzi la mano quel maestro che non ha mai detto una frase del genere!
 In realtà i maestri che operano nelle scuole di ballo non hanno a disposizione neppure i mezzi didatticamente adeguati a supportarli in questo ingrato compito di “spiegare” aspetti oscuri della musica e del ritmo. Aspetti che divengono oltremodo controversi considerata anche la mancanza di un minimo di preparazione musicale nella maggior parte degli allievi (e spesso, ahimè, negli stessi maestri).
Un aiuto lo potrebbe dare sicuramente il musicista. Sarebbe utilissimo, ad esempio, mettere a disposizione dei maestri di ballo basi musicali o brani specifici, differenziati per genere di ballo, appositamente concepiti per chi muove i primi passi. Il metodo è semplicissimo. Inserire nel brano dei click, molto marcati e ben identificabili, che diano concretamente ai ballerini un orientamento sicuro tra gli accenti ritmici e melodici.
Qualsiasi musicista in grado di smanettare col PC, è capace di modificare un brano ballabile inserendo dei click ai posti giusti, su indicazione del maestro di ballo, dosandone appositamente l’intensità sonora, creando così dei brani modificati ad hoc per chi non ha ancora l’orecchio sufficientemente smaliziato a riconoscere le introduzioni, a seguire i battiti del tempo e gli accenti di apertura e chiusura delle frasi musicali e del ritmo in genere.
Rosario Rosito, 27 maggio 2010
Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1° piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)