Il mondo del ballo in Italia
13 nov 2012

A cura di
Sauro Amboni
La Danza Mediterranea.

 

 

 

 


 

A cura dei maestri
Silvana Ravini e Josè Huertas

(foto a fianco).

 

 

 

 

 

 


 

 

Premessa.

 

Costituita soltanto un anno fa, la Compagnia di Danza  “Mediterranea”  inanella successi.

Già all’attivo due spettacoli sensazionali e tour in tutto il mondo.

La prima rappresentazione è stata  “Mediterraneo” ,  il primo passo verso un esito positivo al dì là di ogni aspettativa. Uno spettacolo emozionante, nel quale Danza Spagnola e Flamenco si fondono in calde armonie che ci richiamano il Sud, il mare, il sole e la cultura mediterranea che certo non è estranea a noi italiani, anzi ci accomuna in un tacito linguaggio a tutti caro.

 

La danza dei giovani: il Flamenco.

La selezione di ragazzi e ragazze molto giovani è stata determinante, loro ballano in maniera vigorosa e dolce insieme, sono trentacinque artisti, compresi i musicisti, una brigata tosta, una ventata fresca, dove si percepisce comunque il forte senso di gruppo, una magia speciale.

Ora la Compagnia di Danza Flamenca Mediterraneo si afferma con il nuovo successo “Ritratto Antico”.

Questo lavoro è dedicato alla Bailaora, la danzatrice di Flamenco, la Donna, che negli anni, ha visto cambiare usi e tradizioni dentro un mondo stupefacente: il Flamenco.

Si tratta di uno studio approfondito delle movenze, dei gesti, delle espressioni della Danza Flamenca che scorrono in un intero secolo di evoluzioni, di miti, che attraversano situazioni diverse, sociali e politiche.

Questi lenti cambiamenti che sottolineano il modo differente nell’universo femminile di porsi nella gestualità, il mutamento dell’abito attraverso tutto questo lungo periodo, i colori, le mode, il cambiamento stesso della maniera di usare l’abito e farlo danzare

Un lavoro molto difficile da interpretare per queste cinque donne, ma sono ballerine molto preparate.

 

 

Tecnica raffinata con grande valore artistico.

Non è stato affatto semplice perché queste artiste devono dimenticare il loro modo accademico e moderno di ballare, non solo, devono rinunciare alla loro personalità, dedicando tutta la loro tecnica a servizio dell’interpretazione del periodo storico che il Direttore Artistico ha scelto per loro.

Una grande emozione, un compito piuttosto impegnativo e molto interessante, dal risultato coinvolgente e affascinante. Un vortice di emozioni che cattura dall’inizio e non ti lascia nemmeno alla fine.

La Compagnia di Danza Mediterraneo nasce a Valenza, in Spagna, ed è completamente privata.

La Direzione Artistica è di Josè Huertas e Marta Fernandez.

 

La Direzione artistica di Marta Fernandez e il Flamenco.

Marta Fernandez nasce a Siviglia, nel quartiere gitano di Triana, nel 1973. Ha cominciato lo studio del Flamenco nella prestigiosissima  Escuela de Baile di Matilde Coral, matriarca del flamenco a Siviglia.

Si diploma a quindici anni in Danza Spagnola e Flamenco al Conservatorio di Siviglia. Marta Fernandez già nel 1992 partecipa come solista ad importanti spettacoli come “Azabache” nell’ Expo ’92 con una coreografia di Manolo Marin.

Poi fa parte integrante di molte Compagnie di Ballo, come l’Andaluza de Danza sotto la Direzione Artistica del grande Mario Maya e ancora Carmen Cortez, Luis Ortega, Lola Greco, Rafael Aguilar ecc.   Vincitrice di di vari premi artistici. Negli ultimi anni collabora con Josè Huertas nella Direzione Artistica della nuova Compagnia di Danza “Mediterraneo”.

 

La Direzione artistica di Josè Huertas e il Bolero.

Josè Huertas nasce a Moròn de la Frontera in provincia di Siviglia nel 1970,  la sua famiglia si trasferisce a Barcellona, quando lui ha solo cinque anni.

I suoi genitori vedendo la vivacità di Josè bambino, decidono di fargli svolgere un’attività che gli convogliasse la sua energia e la sua dinamicità, di decide per la danza.

Josè studia Danza Classica, Bolero e Flamenco per più di dieci anni nell’ Institut de Teatre di Barcellona.

Estremamente portato per il Flamenco, a soli quattordici anni già lavorava nella “Compagnia di Danza Josè De La Vega”.

Josè Huertas continua gli studi e progredisce nella tecnica flamenca, finchè a diciotto anni si trasferisce a Madrid.

Là nasce il connubio con il più grande ballerino di flamenco di tutti i tempi: Antonio Gades e sarà il suo maestro per molto tempo, nessuno può volere di più. Entra a far parte della Compagnia  e dopo solo due anni ne diventa il primo ballerino, sostituendo Antonio Gades stesso.

A questo punto la sua carriera lo porta ad essere ospite di varie altre Compagnie e a ballare con Luis Ortega, Rafael Aguilar, Antonio Marquez e Aida Gomez.

Nel 2002, Josè Huertas, fonda la sua prima Compagnia di Ballo con l’obbiettivo di offrire al suo pubblico una visione moderna del Ballo Flamenco. Ha rappresentato i suoi spettacoli in numerosi teatri europei.

 

La Direzione artistica di Josè Huertas e la Danza Mediterranea.

Nel 2011 nasce la nuova e giovane Compagnia di Danza “Mediterraneo” richiesta in tutta Europa è già stata in Israele e ora in Tailandia, dove come Direttore Artistico  Josè Huertas trasmette alle nuove generazioni gli ideali e i valori di una danza antica e particolare come il Flamenco, perché non possa mai scomparire.

 

 

Per l'articolo completo e l'ampio e ricco servizio fotografico

Clicca qui e vai al N. 330.

 

 

Maestra Silvana Ravini

 

 

Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1° piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Ricerca partner

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

Per imparare/migliorare

52 anni - Per imparare/migliorare

Treviso (TV)