Il mondo del ballo in Italia
10 lug 2009

A cura di
Sauro Amboni
La Prof.ssa Costato propone il Ballo e la Danza Sportiva per i Disabili: aiutamola!

 
Disabili e Danza Sportiva
di Marcella Costato
 
 

L'uomo veramente grande è colui che non vuole esercitare il dominio su nessun altro uomo e allo stesso tempo non vuole da nessun altro essere dominato.

(Khalil Gibran)
 





 
Prof.ssa Marcella Costato
 

 
 
Premessa
 

Sono circa 650 milioni i disabili nel mondo, oltre il 10 per cento della popolazione globale. Tutti insieme popolerebbero la terza nazione mondiale dopo Cina e India.  In Italia sono circa 6 milioni.

 
 
L’ONU
 

La Convenzione Onu sui diritti dei disabili, entrata in vigore l’8 maggio 2008, è il primo trattato, sui diritti umani del terzo millennio, approvato dall’assemblea generale dell’Onu nel 2006.

I 50 articoli della carta ONU, elaborano in dettaglio i diritti delle persone con disabilità. Spaziano dall’accessibilità al diritto alla vita, dal lavoro alla riabilitazione e, non per ultimo, ribadiscono i diritti allo sport e all’istruzione.

 
 
Il CONI
 

Il CONI, nella gestione delle attività sportive , promuove la massima diffusione della pratica sportiva in ogni fascia di età e di popolazione, con particolare riferimento allo sport giovanile, sia per i normodotati che per i disabili. Nell’ambito dell’ordinamento sportivo, detta principi in favore di uno sport che veda riconosciuto il diritto all’inclusione e alla piena integrazione di ogni singolo individuo.

 
 

La FIDS

 

E’ intenzione della FIDS, con il supporto del CONI e del Ministero della Pubblica Istruzione, diffondere l’insegnamento, lo studio e la pratica della Danza Sportiva nelle scuole ove sono presenti i disabili.

 

Crediamo, perciò, che sia importante superare l’isolamento e il pregiudizio offrendo ad essi la possibilità di partecipare ad attività ricreative, culturali e sportive, rivolte, solitamente, a chi è privo di deficit e con prestanze fisiche in più rispetto ad altri.

 
 

La proposta concreta

 

Siamo convinti che solidarietà e apertura mentale siano indispensabili per consentire alle persone con disabilità il raggiungimento della propria realizzazione.

Riteniamo necessario, per questo motivo, colmare una carenza, quale la mancanza di offerta di servizi e attività per individui  disabili, immaginando ragazzi con deficit esprimere il proprio talento nel Ballo e nella Danza Sportiva.

 

Ci sembra di grande interesse, proporre la Danza Sportiva per avvicinare i disabili al Ballo e permettere loro di raggiungere i più alti risultati, sviluppando la propria personalità, attraverso il gesto atletico.

 
 
Conclusioni
 

Invito e ringrazio quei lettori sensibili e interessati, al problema, che volessero offrire suggerimenti o proposte concrete. Io sono disponibile e questa è la mia missione.

Scrivetemi: Marcella Costato annagiov@yahoo.it
Grazie.



Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Ricerca partner

Per imparare/migliorare

52 anni - Per imparare/migliorare

Treviso (TV)

50 anni - Per fare competizioni

Lecco (LC)