Il mondo del ballo in Italia
04 set 2013

A cura di
Angela Scipioni
Le nostre Associazioni. Dove sono i Leader?

 

 

 

A cura della Maestra

Dott.ssa Prof.ssa Angela Scipioni.

Foto a fianco

(sullo sfondo gli affreschi

nelle Ville Venete).

 

 

 

 


 

 

Premessa.

Spesso mi domando quale sia il limite delle nostre Associazioni e a quali traguardi il Ballo e la Danza Sportiva siano in grado di aspirare. La risposta ovviamente non la conosco, ma posso fare alcune considerazioni.

 

Chi è il Leader?

Una delle caratteristiche fondamentali di un Leader è quella di proporre idee e attività nell’organizzazione (FIDS, MIDAS, FIPD, ANMB, AIMB, IDO, ECC.) utilizzando in questo modo dei mezzi per concretizzare praticamente e fattivamente azioni migliorative, far crescere i propri iscritti, influenzare i membri dell’Associazione a modificare e migliorare il loro comportamento.

 

Dove sono i nostri Leader?

Il successo delle nostre Associazioni è direttamente proporzionale all'utilizzo del suo potenziale (dirigenti e non), alla cura dei progetti che vorremmo realizzare, al numero dei soci e dei club coinvolti nei progetti (stage, corsi per i soci, aggiornamento per i soci, ecc.), al carisma che trasmettono i nostri leader (chi sono e dove sono i nostri leader?), al livello di strategie elaborate per raggiungere gli obiettivi che ci prefiggiamo.

Nulla può essere lasciato al caso e, se tutte le condizioni elencate si avverassero contemporaneamente, non ci sarebbero limiti al successo della nostre Associazioni del Ballo e della Danza Sportiva, la quale sarebbe in grado di raggiungere qualsiasi traguardo.

 

I Leader delle nostre associazioni devono

avere esperienza,

una vasta cultura,

una buona capacità manageriale e di guida,

un forte orientamento verso il fare e non solo al dire,

motivare i soci,

trasformare gli obiettivi in traguardi raggiunti,

comunicare con trasparenza,

ricordarsi sempre di essere al servizio dell'associazione e non di se stessi,

sapersi rinnovare e favorire il proprio ricambio e non il  contrario.

 

La scarsa partecipazione attiva dei soci e il senso di appartenenza

Un' altra considerazione riguarda il senso di appartenenza dei nostri soci.

Le nostre Associazioni potrebbe essere ancora più determinante nella loro azione a favore di chi insegna, di chi impara e di chi compete, se fosse vissuta al suo interno con entusiasmo e partecipazione da chi appare spesso fuori dal tempo, da chi conosce poco l’Associazione e i suoi scopi, da chi ha un incarico  importante e si accontenta di indossare un distintivo  più grande o la divisa di giudice, da chi è convinto che sia sufficiente portare quella divisa, da chi partecipa distrattamente ai convegni o come spettatore alle gare a “sostenere” le proprie coppie, da chi pensa sia sufficiente o appagante intascare il compenso dei propri allievi.

Se ci fosse da parte della maggioranza dei soci il desiderio di essere la parte attiva delle iniziative, le Associazioni sarebbe in grado di raggiungere, anche in questo caso, qualsiasi traguardo.

 

I traguardi che non si raggiungono

E i traguardi raggiunti darebbero alla nostre (tutte) Associazioni concretezza, visibilità e riscontri positivi ai soci agli allievi e al pubblico, ai club e alle ASA darebbe programmi, organizzazione ed efficienza, e ai soci e dirigenti darebbe partecipazione, affezione, voglia di fare ed emozioni.

In  poche parole, i soci e i dirigenti  (di qualsiasi Associazione)  farebbero i soci e dirigenti, così come avveniva per il passato glorioso che ha portato il Ballo e la Danza Sportiva da passatempo popolare ad attività sportiva a ed organizzata per tutti i ceti orizzontalmente e verticalmente ed anche a  livello internazionale; ma lo farebbero con i numeri e le forze che  possono mettere in campo oggi con cinque milioni di appassionati, 130 mila tesserati, 10 mila tecnici e maestri, dieci associazioni fra amatoriali e di maestri, e quasi mille dirigenti territoriali e nazionali.

 

E che aumenterebbero ancora se tutti assieme "lavorassimo" per rendere più "riconoscibile” il nostro “segno”, cioè il nostro distintivo o la nostra tessera di socio, o il nostro “abito” da giudice, o la nostra immagine di leader.

 

 

Fa l’esame di coscienza: sei un leader?

Già, ma quando un “segno” diventa riconoscibile?  Per me, quando si distingue tra i tanti perché identifica persone preparate e motivate che appartengono ad una associazione compatta, determinata e che sa trasformare i suoi obiettivi in traguardi raggiunti, che sa trasformarsi al proprio interno, che sa creare nuovi leader, che sa “lasciare il segno” e che sa rinnovarsi culturalmente.

 

Cari Dirigenti . . .

Cari Dirigenti, ricordatevi che siete al servizio dell’Associazioni e cioè dei vostri soci e non al servizio di voi stessi!

 

Buona nuova stagione 2013-2014 a tutti.

 

 

Breve biografia della Maestra Angela Scipioni

La maestra Angela Scipioni nasce nelle Marche, studia e vive prima nella Svizzera Francese e poi in Italia. Si trasferisce a Boario Terme in provincia di Brescia dove vive e lavora.

Ha acquisito la formazione di base in Danza Classica presso scuole francesi dove ha partecipato a saggi e manifestazioni artistiche.

Rientrata in Italia ha acquisito il Diploma di Maestra di Ballo in Liscio Unificato, Ballo da Sala e Bachata presso l'Associazione Nazionale Maestri di Ballo.

Passata in FIDS/CONI ha acquisito tramite MIDAS il Diploma di Maestra di Ballo in "Balli e Danze di società" (i 16 Balli).

Ha, inoltre, esperienza pluridecennale come professoressa liceale ed è quindi esperta in didattica e pedagogia.

E’ laureata in Biologia e specializzata in Biologia Ambientale. E' autrice di un testo scientifico di Biometria e Psicometria Applicata.

Il suo recapito e-mail è: scipioniangela@libero.it

E' redattrice, fra l’altro, di interessanti articoli sulla rivista Tuttoballo (rivista di tecnica, cultura e comunicazione del Ballo agonistico e della Danza Sportiva).

 

Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)