Il mondo del ballo in Italia
06 feb 2008

A cura di
Rosario Rosito
MORTO IL BALLO SPORTIVO!
 
La ferale notizia è trapelata nonostante l’equipe di esperti, accorsi al suo capezzale, hanno ostinatamente tentato di celarla. La ragione del decesso sembra sia da addebitare ad un lungo attacco virale. È, infatti, un cocktail di virus, della peggiore specie, volgarmente denominati “impuniti” o “piattole” il sicuro responsabile della triste dipartita.
Le spoglie del defunto sono esposte, per l’estremo saluto, presso la sede della federazione in Roma. Un lungo corteo di ex competitori, sin dal mattino, era già in fila per esprimere tutto il proprio cordoglio e la commozione.
Piangevano a dirotto ex dirigenti, consiglieri, presidenti, e si è assistito a scene strazianti, come quella di un novello giudice fresco di diploma che, immobile, con occhi fissi nel vuoto e le lacrime che gli solcavano le guance, mormorava ripetutamente come preso da un’irrefrenabile raptus: ”non ho fatto neanche una gara…non ho fatto neanche una gara…”
Ma è impossibile descrivere la scena toccante del presidente, che per l’occasione ha indossato la divisa degli alpini piemontesi, con una fascia nera al braccio ed un fiocco sulla falda del cappello (tant’è vero che qualcuno l’ha scambiato per un reduce partigiano della gloriosa brigata “Folgore”) e camminava sorretto dagli stretti collaboratori che gli sono stati vicini sino all’ultimo, guardandosi intorno con espressione disperata, inconsolabile, gli occhi gonfi di lacrime, soffiandosi il naso con un fazzoletto tricolore con la scritta crudele “Lunga vita alla nuova grandiosa FSN”.
 
LE ESEQUIE
 
Una cerimonia funebre memorabile. Il sarcofago, ornato di bassorilievi raffiguranti gli ultimi imperatori federali (spiccava imponente il naso appuntito di Cirus Spinae, celeberrimo console della Campania felix), è stato portato in spalla da un rappresentante per ogni federazione, previa un’estrazione a sorte (erano oltre 4000 le federazioni accreditate. Impossibile accontentarle tutte). Non sono mancati momenti di tensione, come quando agenti della security (i famigerati feder-manganels) hanno allontanato, prendendolo di peso, un anziano dirigente che, forse rimbambito dalla confusione, distribuiva, tra strette di mano e larghi sorrisi, dei bigliettini con la scritta “vota Leo, un presidente per tutte le stagioni – prestiti agevolati a tasso zero”. Il poverino, ingannato dalla tristezza dell’evento, aveva confuso la cerimonia funebre con le elezioni modenesi.
Quando s’è mosso il corteo, tra ali di folla composta e plaudente, gli altoparlanti hanno diffuso la marcia di radetzky e, preso in un momento di distrazione, lo speaker (tale Adalberto dell’Orticello del Vicinus est semper magnificus) s’è lasciato scappare inopportunamente: “accompagniamo col battito delle mani l’entrata in pista degli atleti! E diamo il benvenuto al magnifico presidente Kaiser Galvagni!”. Frettolosamente qualcuno gli ha strappato il microfono dalle mani fulminandolo con un’occhiataccia severa.
L’apice della commozione è stato toccato nei pressi del cimitero, quando un piccolo maestro valtellinese, tracagnotto e stempiato ai limiti di un’incipiente calvizie, s’e strappato furente i vestiti deciso ad immolarsi lanciandosi insieme al feretro nella fossa sepolcrale. L’imbarazzo è stato enorme, anche perché l’incredibile miniatura di pisellino che a malapena s’intuiva tra le pieghe flaccide dell’addome, induceva un’irrefrenabile ilarità negli astanti che, a stento, riuscivano a dissimulare con un finto pianto, dei veri e propri attacchi di riso spastico.
Rosario Rosito, 31 gennaio 2008
Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)