Il mondo del ballo in Italia
01 lug 2013

A cura di
Sauro Amboni
NTA (National Teacher's Association for Country-Western).

 

 

 

 

 

by Patrice Chollet,

NTA Zone EU/CON/S Director

(foto a fianco).

 

 

 

 

 

 


 

Il Raduno annuale dei grandi maestri e' stato un successo.

 

L’ultimo incontro annuale dei membri NTA in Francia è stato un successo, sostenuto dal bel tempo, nella soleggiata Gironde.

Circa 25 rappresentanti si sono ritrovati per condividere pensieri ed esperienze.

 

 

 

Preservare cuore, articolazioni e colonna vertebrale.

 

Nella prima parte del raduno, il workshop condotto dalla maestra Caroline ha suscitato un ricco dibattito.

E’ stato spiegato che le articolazioni, in particolare quelle dei piedi, delle caviglie, delle ginocchia e dei fianchi, sono le parti del corpo a richiedere maggiori attenzioni, per essere mantenute sane.

Un buon metodo per preservarle è di adottare la posizione corretta dei piedi. Per questo motivo è di primaria importanza insegnarla ai principianti, prima di iniziare a ballare.

Una buona posizione dei piedi significa che il corpo sarà allineato in modo naturale per tutta la durata della danza.

Occorre dire che i principianti sono più inclini ad applicare le buone abitudini, a condizione di insegnare loro gesti corretti.

Un’altra parte del corpo da considerare è il cuore. Un cuore forte e sano facilita la pratica di danza e il benessere fisico può essere sentito in ogni istante della propria vita.

 

Gli insegnanti dovrebbero iniziare la lezione con il riscaldamento che allena delicatamente il cuore e le articolazioni al successivo lavoro.

Mentre si prepara il corpo a iniziare una sessione di danza, occorre ricordare l’importanza di una corretta e profonda respirazione, per aumentare l’assunzione di ossigeno.

Un semplice consiglio è di dire alle persone di svuotare i polmoni poiché, in questo modo, l’aria più fresca circolerà nei loro corpi.

La colonna vertebrale è un’altra parte che necessita d’essere curata.

 Per evitare lesioni è importante dire agli allievi di ballare diritti (allungare la colonna vertebrale cercando di essere “più alto” possibile, come per raggiungere il soffitto con la testa).

 

 

 

Esercizi utili

Ecco alcuni utili esercizi, eseguiti con il supporto di un muro.

Mettersi seduti, senza sedia, con la schiena contro il muro e appiattire la colonna vertebrale mentre si espelle l’aria dai polmoni e si allungano testa e collo il più possibile verso l’alto. Mantenere la posizione per 15 secondi e poi rilassarsi.

E’ utile ripetere questo esercizio cinque o sei volte.

Un altro modo per ricordare alle persone di stare diritti è quello di mantenere il livello dei loro occhi in un punto o una serie di punti a circa due metri da terra. In questo modo essi non sono più tentati di guardare i piedi (che sono al loro posto, anche se non li guardano) e diventa più semplice seguire le indicazioni complessive dei balli.

 

 

 

Essere consapevoli dei meccanismi del corpo

 

La coordinazione nei movimenti può essere molto impegnativa per i principianti e gli insegnanti devono prestare particolare attenzione nel sottolineare quali parti del corpo si muovono indipendentemente dalle altre.

Gli allievi devono essere consapevoli dei meccanismi del corpo, coinvolti nel movimento progressivo in avanti; il fatto cioè che il movimento abbia origine  dal “center” il cui impulso in avanti porta il baricentro del corpo ad andare oltre la base. (la zona di stabilità delineata dai piedi). Ciò mette tutto il corpo in uno stato temporaneo d’instabilità compensato dalla gamba libera di muoversi in avanti che sostiene il peso del corpo.

Gli studenti devono prendere  coscienza di determinate sequenze di movimenti in modo da poterle applicarle  in altre mosse.

Una volta familiarizzato con la meccanica dei movimenti essi saranno acquisiti in modo inconscio.

 

 

 

Benefici fisici e psicologici

 

Ballare e imparare regolarmente nuovi balli possono portare benefici fisici e psicologici duraturi.

L’abitudine a muoversi in uno stato aerobico moderato per una o due ore, la settimana, aiuta a rafforzare il cuore ossigenando il sangue e regolando la pressione sanguigna.

Questo tipo di esercizio di resistenza aiuta anche a bruciare i grassi (fenomeno che avviene dopo circa 40 minuti di costante sforzo lieve).

Il movimento, infine, fa bene alla struttura ossea e muscolare: previene l’osteoporosi.

Caroline, nel suo dibattito, ha sviluppato altri punti riguardanti il benessere mentale e fisico e diverse modi d’apprendimento, ma saranno trattati  un’altra volta.

 

Per l’articolo completo e l’ampia rappresentazione fotografica,

vedi i  N. 383  sulla rivista Tuttoballo.

Clicca qui.

 

Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Ricerca partner

Per imparare/migliorare

52 anni - Per imparare/migliorare

Treviso (TV)

50 anni - Per fare competizioni

Lecco (LC)