Il mondo del ballo in Italia
12 gen 2010

A cura di
Sauro Amboni
Tango Argentino: 5) Consigli per la Dama (a cura di Ubaldo Sincovich).



 
Consigli per la donna

a cura dei Maestri Ubaldo Sincovich e Silvia Galetti








Ubaldo Sincovich e Silvia Galetti




Anche la donna, come l'uomo, deve cercare di tenere il più possibile le ginocchia unite; nei passi laterali, deve portare subito il peso sul piede che apre con leggera flessione del ginocchio, in modo da non fermarsi mai a piedi pari e gambe tese, che risulta sempre poco elegante.

 

Nei passi indietro, il movimento deve partire dall'anca, avendo cura però di mantenere la frontalità del busto rispetto all'uomo; il piede deve toccare il pavimento sempre con l'interno dell'alluce, ed una volta appoggiato sulla mezza pianta, ruoterà in linea di ballo, in contemporanea all'altro che gli passa accanto.

Tutti i passi devono essere eseguiti mantenendo la stessa altezza rispetto al pavimento, senza ondeggiare su e giù con il corpo; di conseguenza nei passaggi ci deve essere un leggero piegamento delle ginocchia, la cui entità è soggettiva e tale da consentire una posizione comoda.

In tutti gli spostamenti di peso, il passaggio da un piede all'altro deve essere rapido, in modo che la donna abbia sempre una gamba libera per poter eseguire, se lo desidera, degli “ adornos ”, ovvero degli abbellimenti, in quel breve spaziosi tempo tra una battuta e la successiva,o nella pausa che l'uomo comanda.

Relativamente alla parte alta del corpo, la donna deve abbracciare l'uomo adottando un atteggiamento “attento” a ricevere i segnali. Questa attenzione alle marche, deriva da un contatto continuo e presente tra il palmo della mano dx. della donna ed il palmo sin. dell'uomo, (le dita non devono stringere ma semplicemente accarezzare la mano del partner), e da una costante pressione verso il basso del gomito sin., sul bracci dx. dell'uomo. Nei primi tempi, tale pressione può essere eccessiva per la poca sensibilità ed esperienza però, con l'esercizio e la consapevolezza che si acquisisce nel tempo, e soprattutto ballando con diversi partner, la forza impiegata diminuirà e si svilupperà l'attenzione.

I muscoli dell'addome non devono essere rilassati, ma tenuti leggermente contratti sollevando il diaframma. Per assumere questa posizione consiglio alla donna di estendere fortemente e parallelamente le braccia verso l'alto e ritornare poi in posizione di presa chiusa, mantenendo il ventre ed i muscoli addominali nella postura acquisita durante l'estensione.

Con la posizione corretta delle braccia e dell'addome, la donna diventa molto più sensibile a tutte le marche dell'uomo e riesce a dissociare le anche dal tronco; in questo modo mantiene meglio la frontalità del busto e delle spalle rispetto al partner e risulta più leggera nei movimenti delle gambe.

 





Ubaldo Sincovich e Silvia Galetti



Ci sarebbe ancora molto da dire, e speriamo di poterlo fare più avanti, con un successivo articolo che riguarderà la coppia nel suo insieme.

Ringraziamo i colleghi professionisti che ci leggono, gli amatori e gli appassionati tutti sperando di aver dato un valido contributo alla miglior comprensione del Tango Argentino ed un aiuto al miglioramento della tecnica d'insegnamento.

 

Maestri Ubaldo Sincovich e Silvia Galetti

 

Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)