Il mondo del ballo in Italia
14 mar 2007

A cura di
Rosario Rosito
Tra il dire ed il fare c’è di mezzo…il pollo!
'Si fa un bel dire delle valutazioni tecniche, musicali ed interpretative delle coppie in competizione, ma, almeno dal punto di vista della valutazione oggettiva del senso del ritmo, della coerenza formale ed interpretativa tra la coppia in pista ed il brano musicale scelto, dietro le chiacchiere c’è spesso il vuoto assoluto. E quando le chiacchiere sono tante e le certezze poche, regna la più assoluta arbitrarietà di giudizio: tutto sembra essere lecito se ci avvantaggia, ed illecito se ci penalizza.
Avete mai letto le interminabili liste che descrivono i parametri di giudizio di cui un giudice di gara dovrebbe tener conto? Avete notato quanti riferimenti alla “musicalità”, al “ritmo”, ed alla musica in genere? Vi sembra plausibile che un giudice di gara, spesso non precisamente “ferrato” dal punto di vista musicale, nei pochi minuti di esibizione in cui le coppie si propongono, possa riuscire a valutare, contemporaneamente, a colpo d’occhio, tutti quei parametri? Ma neanche il più bravo musicista del mondo, sia pure con grande competenza tecnica del ballo, riuscirebbe in una tale impresa.
Ed allora, come la mettiamo? Bisogna rassegnarsi alle inevitabili “piccole ingiustizie” che normalmente si vivono durante le gare di ballo? Oppure c‘è una soluzione a tutto questo? La mia risposta è SI, c’è una soluzione. Una soluzione che si articola su due fronti:
Da una parte creare i presupposti affinché i maestri di ballo, e, conseguentemente, i giudici, arricchiscano la loro preparazione musicale (organizzando periodicamente degli appositi stage con dei professionisti, inserendo nelle materie d’esame da maestro di ballo la musica – cosa peraltro già avvenuta per il Choreographic team - ) e dall’altra adoperandosi in tutti i modi, nelle sedi opportune, per sgombrare il campo da tutti gli equivoci che favoriscono non tanto l’arbitrarietà, inevitabile in tutte le discipline che accentrano nel giudizio umano valutazioni tecniche ed artistiche, quanto il paravento “pseudo scientifico” che facilita e giustifica l’arbitrarietà stessa (in sostanza semplificando i parametri di giudizio, dando ai giudici stessi la libertà, e la responsabilità “palese” di giudicare quello che vedono, in base alla loro esperienza e sensibilità artistica, senza doversi sforzare di cogliere un particolare perdendone altri mille). Troppe volte si sente dire “Era una coppia che poteva vincere, però…” giustificando quel “però” con oscure elucubrazioni pseudo-musicali, di ritmo, di tempo, di musicalità. I volponi non mancano; sia tra i giudici sia tra i competitori. Ma, mentre tra i competitori è “lecito” ricorrere al mestiere, ai “mezzucci” spesso suggeriti dall’esperienza, tra i giudici la questione non è eticamente accettabile. Quando i sacrifici di una coppia naufragano di fronte alle mistificazioni “volpine” di un giudice, ci sentiamo tutti un po’ polli…
Ed allora, alla gentile lettrice Anna P. che mi scriveva chiedendomi cosa pensassi dei moderni “dottor Azzeccagarbugli”, mi ritrovai a rispondere:
“….quella piccola parte di colleghi insegnanti, siano essi scrittori, musicisti, ballerini o giudici, che non riescono a scrollarsi di dosso la rarefazione culturale, quella malefica nuvoletta autoreferenziale, che li innalza a mò di piedistallo, rendendoli stucchevoli e mummificati, in una realtà che è quasi una finzione, tanto è lontana dal vissuto quotidiano. Purtroppo quella piccola elite, tende a fare opinione; si propone dappertutto, soprattutto negli ambienti che contano, autoesaltandosi; e non è minimamente scalfita dalle numerose e puntuali critiche….” . La risposta completa è pubblicata su questo stesso sito.


Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1° piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Ricerca partner

Per imparare/migliorare

52 anni - Per imparare/migliorare

Treviso (TV)

45 anni - Per imparare/migliorare

Padova (PD)