Il mondo del ballo in Italia
01 lug 2009

A cura di
Rosario Rosito
UNA STRANA TEORIA
…Invece nelle accademie di danza più serie e rinomate, tra le altre materie, la musica occupa decisamente un posto preminente. Non è un caso, ovviamente, e c’è una spiegazione piuttosto semplice, quasi ovvia.
La conoscenza della musica serve al ballerino come strumento di analisi del brano che interpreta ed al maestro come necessario compendio didattico. Per non rischiare di comunicare a tentoni o, peggio ancora, distorcendo i più elementari concetti del ritmo e dell’armonia, appare doveroso, per un maestro coscienzioso, studiare un minimo di teoria musicale. Ovviamente può essere superfluo raggiungere il livello d’approfondimento tipico dei musicisti, ma neanche è concepibile restare a digiuno di ogni conoscenza e basarsi solo su intuizioni, orecchio e “per sentito dire”.  
Ecco perché trovo quantomeno stravagante la teoria secondo la quale bisogna lasciare la musica ai musicisti. La musica è un linguaggio alla portata di ognuno, non c’è nessuna ragione valida per considerarla una materia d’elite.
Rosario Rosito, 01 luglio 2009
Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

57 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)