Il mondo del ballo in Italia
08 apr 2013

A cura di
Sauro Amboni
VUOI ESSERE SANO? Danza, ma abbi cura di te.

 

 

 

 

 

A cura della prof.ssa Marcella Costato

(Foto a fianco).

 

 

 

 

 

 


 

Danzare procura piu' di 20 benefici:

 

  • Non fa acquisire calorie, grassi o zuccheri.
  • Fa bruciare dalle 100 alle 400 calorie in un’ora.
  • Aumenta l'energia.
  • Abbassa la pressione sanguina.
  • Incrementa la capacita polmonare e la struttura delle vie respiratorie.
  • Migliora la circolazione del sangue.
  • Rallenta la degenerazione scheletrica (per esempio l'osteoporosi).
  • Rafforza le nostre ossa e aiuta a sostenere il peso del corpo.
  • Incrementa la flessibilità e il funzionamento delle giunture.
  • Rinvigorisce il tono muscolare.
  • Affina la coordinazione, l’equilibrio e la velocità di reazione.
  • Migliora la postura.
  • Potenzia la funzione degli organi interni del nostro corpo migliorando la postura.
  • Incrementa la salute mentale.
  • Riduce la tensione e la depressione.
  • Migliora il sonno e aumenta il vigore.
  • Aiuta a superare il disagio sociale.
  • Migliora l’autostima e la fiducia.
  • Aiuta a incontrare persone nuove, con maggior facilità.
  • E’ un’attività sociale divertente: uomini e donne possono svagarsi assieme.

 

 

Postura e biomeccanica

Ecco tre suggerimenti, per ottenere una giusta postura e migliorare i movimenti che aiutano a produrre un buon ballo.

 

  1. Radicarsi. Immaginate i vostri piedi come ventose aderenti al suolo.
  2. Centrarsi sugli avampiedi.
  3. Stare eretti con un portamento adatto.

 

 

Per ottenere questo bisogna:

  • Immaginare un pallone che solleva la vostra testa.
  • Mantenere il mento sollevato e il petto rialzato.
  • Figurarvi la parte superiore della schiena, fino al T4, tirata indietro. (T4 è la 4^ vertebra toracica, situata circa a ¼ della schiena, tra le scapole)
  • Tenere le spalle verso il basso, con le scapole aperte.
  • Sollevare la parete addominale.
  •  Portare le anche in avanti.
  •  Rilasciare il coccige verso il pavimento, piegandolo un po’ all’interno.

 

Esercizio fisico: la “medicina” migliore

L’esercizio fisico ha molti effetti benefici e fra questi vi sono:

  • Benefici cardiovascolari: abbassa il colesterolo totale, diminuisce quello cattivo (LDL) e aumenta quello buono (HDL); riduce la pressione arteriosa e diminuisce la frequenza di malattie cardiache.
  • Benefici al sistema immunitario: abbassa il numero e la gravità di febbri e raffreddori; riduce la percentuale di cancro.
  • Benefici alla digestione: migliora e cura la stipsi.
  • Benefici al livello di zuccheri nel sangue: aiuta a normalizzarli, prevenendo e controllando l’iperglicemia e il diabete negli adulti.
  • Obesità: maggiore utilizzo di calorie a riposo (con un effetto di mantenimento il giorno successivo!) maggiore massa muscolare in rapporto al grasso; l‘uso abituale per anni, cura l’obesità.
  • Benefici per la salute mentale: riduce la fatica migliorando l’umore, aumenta il senso di benessere, allenta la depressione e il dolore.
  • Benefici sessuali: aumenta il piacere sessuale, l’uso regolare eleva la capacità di attrazione fisica.
  • Benefici vari: migliora l’odore del corpo, diminuisce la tendenza a usare droghe dannose, alcool e tabacco, aumenta la vita media e ne migliora la qualità, specialmente con l’avanzare dell’età.

 

Bere molta acqua

                         Bere acqua in abbondanza, specialmente durante la calda estate, è un imperativo!

L’acqua costituisce oltre il 60% del nostro corpo e il 70% dei muscoli. Essa trasporta sostanze nutritive nei tessuti ed elimina le scorie.

 

Quando non abbiamo abbastanza acqua, le nostre prestazioni sono rallentate: forza, potenza e resistenza ne risentono.

Durante un’ora di allenamento pesante si possono perdere da due a tre litri di acqua, sotto forma di sudore.

Basta ricordare quanto abbiamo sudato, ballando una coreografia veloce, in una sala da ballo calda!

 

La perdita d’acqua corporea, dall’1 al 3% del peso corporeo, ha effetti negativi  sulla  prestazione atletica.

Si può arrivare al punto di sentire le ginocchia deboli e il cervello annebbiato a causa del caldo.

Peggiore ancora è un colpo di calore, quando l’organismo crolla nel tentativo di conservare l’acqua e la temperatura corporea sale rapidamente a un livello pericoloso.

 

 

Non aspettare di sentire sete

 

E’ quindi sbagliato aspettarsi che il nostro cervello lampeggi un avvertimento del tipo: "Hai sete?” “Bevi ora!”

La sete non si fa sentire fino a che non si è perso l’1% del proprio peso  corporeo. Ciò equivale a circa tre tazze di liquidi.

Questo non sembra molto, ma è sufficiente a compromettere una prestazione sportiva. Poiché il dispositivo della sete non funziona bene durante gli allenamenti, dovete essere sicuri di bere a sufficienza per placare la sete.

 

 

Scegliere il giusto fluido

L'acqua fresca è la migliore e piu' economica fonte di liquido.

Bere acqua è il sistema piu' facile per idratare il corpo.

I liquidi freschi sono assorbiti piu' velocemente di quelli piu' caldi e sono meno traumatizzanti, per lo stomaco, di quelli ghiacciati.

Abbiamo, generalmente, sufficienti carboidrati e sali minerali per danzare un'intera serata, cosi' bevande sportive o carboidrati utilizzati, da chi pratica uno sport intenso, non sono necessari. Evitate il sale in pastiglie perché disidrata l’organismo.

 

Il succo di frutta diluito al 50% con acqua è il più indicato. La diluizione abbassa la concentrazione di carboidrati dal 6 all' 8%: ottimale per l'assorbimento. Bibite gassate o succhi non diluiti sono troppo ricche di carboidrati e possono causare crampi allo stomaco, nausea o diarrea.

Bibite a base di caffeina, come the, caffè, coca cola o alcolici, sono diuretiche e disidratano il corpo ancora di più.

La cosa migliore è mangiare cibi che contengono molta acqua, come arance, angurie, mele e uva.

 

 

Quanta acqua è necessaria?

 

Noi abbiamo bisogno di bere prima, durante e dopo aver danzato.

Beviamo un bicchiere d'acqua prima di danzare e uno ogni 15 minuti, quando il ballo diventa più intenso: in tutto due tazze in un’ora.

Sembra molto, ma in realtà è solo la metà dei liquidi che si possono perdere, con una forte sudorazione.

E' sicuramente necessario continuare a reidratarsi alla fine della danza.
Assorbiamo un altro bicchiere o due prima di lasciare la sala da ballo; questo darà al nostro corpo la possibilità di reidratarsi prima di andare a letto.

 

 

Portare una bottiglia d'acqua

E' una buona idea portare una bottiglia, quando si va a ballare, riempita di acqua buona e pura che ci permetterà di idratarci, per tutta la serata.

Se invece si sceglie di chiedere l'acqua al bar, o ai camerieri, suggerisco di dar loro una mancia all'inizio della serata.

In questo modo avremo assicurato un servizio che ci farà ballare al meglio.

 

Come ridurre al minimo il dolore ai muscoli.

Desiderate evitare che stanchezza e dolori insorgano 24 o 48 ore dopo aver ballato?

Il termine tecnico DOMS (Delayed Onset Muscle Soreness) si riferisce all'insorgenza ritardata dei dolori muscolari.

 

 

Ecco, perciò, cinque consigli per aiutarvi a

stare meglio il giorno dopo, ogni attività atletica

compresa la danza

 

 

1. Riscaldamento

Iniziate con un riscaldamento lento. I muscoli freddi, messi improvvisamente al lavoro, hanno maggiori probabilità di subire danni rispetto a quelli correttamente riscaldati.

Il riscaldamento graduale migliora le funzioni cardiache e la respirazione, aumentando il flusso d’ossigeno e di sostanze nutritive nei muscoli, prima di iniziare il lavoro più duro.

Le vostre giunture, inoltre, producono più liquido sinoviale diventando meno rigide, mentre, il corpo si adegua correttamente alle esigenze dell’esercizio svolto.

 

2. Streching (allungamento)

Tra un ballo e l’altro è utile fare un po’ di streching. E’ possibile compiere alcuni allungamenti benefici, con moderazione, anche quando siamo vestiti bene. Per esempio, piegarsi lentamente verso il basso, raggiungendo la punta dei piedi, contando fino a 15, mentre la forza di gravità produce lo stiramento, senza forzarlo.

Un altro esercizio utile è quello di piegarsi su ciascun lato del corpo, ancora per 15 secondi, formando una gigantesca lettera C.

In seguito è possibile piegare le ginocchia, spostandosi da un lato all’altro stirando il muscolo dell’inguine e per finire eseguire un paio di rotazioni delle spalle.

Ora siete pronti per affrontare molte danze vigorose!

 

3. Bevete molta acqua!

Durante il ballo dovete essere sicuri di bere molta acqua.

Senza sufficiente acqua, infatti, il vostro corpo non funziona in modo ottimale e rischiate di appassire, proprio come una pianta priva di acqua.

Evitate l’alcool, che è un diuretico e sottrae l’acqua al vostro corpo.  Lo stesso accade con caffè o bibite a base di caffeina.

 

4. Aumentate la vostra attività gradatamente

Evitate di incrementare o intensificare la durata della vostra danza più del 10% in una settimana, ma soprattutto non aumentatele entrambe nella stessa settimana. Consentite al corpo di recuperare correttamente e adattarsi lentamente al livello di prestazioni più impegnative.

 

 

5. Ballare frequentemente

La miglior strategia per minimizzare il dolore muscolare è esercitarsi con frequenza e danzare due o tre volte la settimana!

 

Per l'articolo completo e la ricca e suggestiva documentazione fotografica,
vedi il N. 364 della rivista Tuttoballo:

clicca qui.

 

 

 

 

Galleria fotografica
Scuole di ballo - Consigliate
spazio riservato
alle scuole consigliate
Scuole di ballo

Palazzolo sull'Oglio (BS)

Vicenza (VI)

Via dell'Edilizia 110, 1 piano

Roccella Ionica (RC)

Via Marina, 2 sopra dopolavoro...

Ricerca partner

33 anni - Per imparare/migliorare

Ancona (AN)

37 anni - Per fare competizioni

Roma (RM)

Per imparare/migliorare